Petrolio e gas- L’America sulla via dell’indipendenza energetica

RASSEGNA STAMPA Klaus-Dieter Frankenberger –        È in corso una rivoluzione energetica, la cui importanza per l’economia mondiale e per quella degli Usa non può essere sottovalutata. Gli Usa stanno per superare la Russia come maggior produttore mondiale di petrolio e gas. Negli ultimi 5 anni l’estrazione di petrolio è aumentata del 50%, quella di gas del 30%. –        Nel solo 2013 gli Usa risparmieranno circa $85MD. –        In una generazione gli Usa produrranno circa tutto il loro fabbisogno energetico, mentre nel 2005 la quota di import era ancora il 30% del loro fabbisogno. –        Questo porterà all’indipendenza energetica degli […]
Condividi:

RASSEGNA STAMPA

Klaus-Dieter Frankenberger

–        È in corso una rivoluzione energetica, la cui importanza per l’economia mondiale e per quella degli Usa non può essere sottovalutata.

Gli Usa stanno per superare la Russia come maggior produttore mondiale di petrolio e gas.
Negli ultimi 5 anni l’estrazione di petrolio è aumentata del 50%, quella di gas del 30%.

–        Nel solo 2013 gli Usa risparmieranno circa $85MD.

–        In una generazione gli Usa produrranno circa tutto il loro fabbisogno energetico, mentre nel 2005 la quota di import era ancora il 30% del loro fabbisogno.

–        Questo porterà all’indipendenza energetica degli Usa, e consentirà loro di ritornare un’area di produzione industriale molto attraente e competitiva, mentre le altre potenze devono ancora preoccuparsi della sicurezza del rifornimento energetico.

–        Enorme la potenzialità di concorrenza: i costi energetici negli Usa sono circa 2/3 fino a ¾ di quelli in Europa.

–        I gruppi europei stanno già reagendo delocalizzando i propri siti produttivi in America, in particolare nel S-O.

–        L’aumento della produzione energetica è dovuta alla nuova tecnica di trivellazione orizzontale, che rende possibile sfruttare nuovi giacimenti e riaprirne di vecchi. Un altro motivo è lo sfruttamento del gas e petrolio da scisti, a costi relativamente bassi, con il metodo del “Fracking”, definito la maggiore innovazione del XXI sec.

–        Le contestazioni di tipo ecologico contro il fracking, vengono respinte sia da Democratici che Rep. per i suoi grossi vantaggi economici, e geo-politici: la diminuita dipendenza degli Usa da Opec e Russia; minor impegno militare richiesto in MO, la possibilità di rafforzare l’alleanza transatlantica con l’export di energia in Europa, dove

il fracking è fortemente contestato e l’energia è più costosa; in particolare in Germania l’energia sta divenendo sempre più costosa sia per l’industria che per le famiglie.

–        Il centro della rivoluzione energetica è Houston, Texas, dove è in corso un forte sviluppo:

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.