Svuotiamo i partiti e i loro carrozzoni

  Caro Operai Contro Il taglio dei trasferimenti ai comuni è nato e cresciuto con la Lega Nord al governo con Berlusconi. Gli invasati capi nazipadani mentre straparlavano di federalimo e localismo, aumentavano l’accentramento delle decisioni al governo centrale di Roma. Nello stesso periodo i nazipadani al potere nei comuni e negli enti locali, assecondavano chiusure di fabbriche e licenziamenti, preoccupandosi di assumere parenti e amici negli enti locali, centuplicando Parentopoli. Un esempio è il comune di Roma che ha a libro paga ben 62 mila dipendenti, di cui 37 mila delle “partecipate” e 25 mila veri e propri […]
Condividi:

 

Caro Operai Contro

Il taglio dei trasferimenti ai comuni è nato e cresciuto con la Lega Nord al governo con Berlusconi.

Gli invasati capi nazipadani mentre straparlavano di federalimo e localismo, aumentavano l’accentramento delle decisioni al governo centrale di Roma.

Nello stesso periodo i nazipadani al potere nei comuni e negli enti locali, assecondavano chiusure di fabbriche e licenziamenti, preoccupandosi di assumere parenti e amici negli enti locali, centuplicando Parentopoli.

Un esempio è il comune di Roma che ha a libro paga ben 62 mila dipendenti, di cui 37 mila delle “partecipate” e 25 mila veri e propri dipendenti.

Col federalismo sono aumentate le tasse e il clientelismo dei partiti e dei loro carrozzoni elettorali.

Basta voti e deleghe ai tagliaborse.

Saluti da un operaio non votante.

 

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.