FAME E SPECULAZIONE

In Grecia autorizzata la vendita di cibi scaduti   La fame bisogna soffrirla per capirla. Bisogna patirla di persona e vederla patire ai propri figli per odiarla. Bisogna trovarsi col frigo vuoto e con le tasche vuote ed essere costretti ad andare a rovistare fra gli scarti e i rifiuti dei mercati per non dimenticarla mai più, la fame.   In Grecia da anni sempre più operai, disoccupati, disperati patiscono la fame. Da qualche tempo anche in Italia: bisogna cercare fra gli operai in mobilità, senza lavoro, in presidio davanti a fabbriche chiuse, bisogna frugare nel profondo della povertà, […]
Condividi:

In Grecia autorizzata la vendita di cibi scaduti

 

La fame bisogna soffrirla per capirla. Bisogna patirla di persona e vederla patire ai propri figli per odiarla. Bisogna trovarsi col frigo vuoto e con le tasche vuote ed essere costretti ad andare a rovistare fra gli scarti e i rifiuti dei mercati per non dimenticarla mai più, la fame.

 

In Grecia da anni sempre più operai, disoccupati, disperati patiscono la fame. Da qualche tempo anche in Italia: bisogna cercare fra gli operai in mobilità, senza lavoro, in presidio davanti a fabbriche chiuse, bisogna frugare nel profondo della povertà, ma è un fatto che gli affamati sono in crescita.

 

Gli affamati, i bisognosi di pane, di un piatto caldo, sono sempre stati un orizzonte desiderato per gli enti caritatevoli religiosi e parareligiosi. Preti e loro reggicoda hanno bisogno della fame altrui per recitare il ruolo di dispensatori di falsa bontà. Senza fame, senza il bisogno altrui, non ha senso la loro esistenza.

 

Nel capitalismo il lenimento, sia pur fittizio, della fame è sempre stato appannaggio di preti e dame di carità. Invece in Grecia i capitalisti hanno deciso di raschiare il fondo estremo del barile speculando sulla fame stessa. Il governo greco ha emanato un provvedimento definito “anti-crisi” in base al quale cibi scaduti vengono messi in vendita nei supermercati, per un periodo limitato e a prezzi più bassi. Chi ha fame e magari ancora qualche spicciolo potrà cercare cibi scaduti, sistemati su scaffali appositi.

 

I cibi scaduti non potranno però essere venduti in ristoranti e bar, luoghi frequentati dai borghesi in carne e col portafogli pieno.

 

Il provvedimento è stato definito dall’associazione dei consumatori un’offesa alla dignità del popolo greco. Non passerà molto tempo che anche il governo tricolore emanerà un provvedimento simile per gli affamati italiani.

 

UN AFFAMATO

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.