Il nuovo partito di Scalfari.

Caro Direttore, oggi dalla prima pagina de “la Repubblica”, Scalfari reclama “un nuovo partito per la destra italiana”. A Scalfari e tutti quelli che la pensano come lui, torna comodo lavarsi la coscienza autodistinguendosi e dividendo il mondo tra destra e sinistra. Un idealismo che contrappone diverse fazioni di borghesi (appunto destra e sinistra), nella spartizione della torta costituita dagli stessi interessi, fondati direttamente o indirettamente, sullo sfruttamento degli operai. Gli operai hanno abbandonato il metro dell’idealismo, per confrontarsi e muoversi sulla base delle rispettive posizioni e interessi sociali. Scalfari fa parte di quella “categoria” di persone che spera […]
Condividi:

Caro Direttore,

oggi dalla prima pagina de “la Repubblica”, Scalfari reclama “un nuovo partito per la destra italiana”.

A Scalfari e tutti quelli che la pensano come lui, torna comodo lavarsi la coscienza autodistinguendosi e dividendo il mondo tra destra e sinistra.

Un idealismo che contrappone diverse fazioni di borghesi (appunto destra e sinistra), nella spartizione della torta costituita dagli stessi interessi, fondati direttamente o indirettamente, sullo sfruttamento degli operai.

Gli operai hanno abbandonato il metro dell’idealismo, per confrontarsi e muoversi sulla base delle rispettive posizioni e interessi sociali.

Scalfari fa parte di quella “categoria” di persone che spera di vedere ancora contrapposizioni sociali mistificate da un idealismo, che nasconda e mistifichi i reali interessi che ne stanno alla base.

Gli operai pensano e si muovono per un proprio partito, contro padroni e borghesi di destra e di sinistra, con i loro mistificatori di turno alla Scalfari.

Saluti da un estimatore di Operai Contro

 

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.