BISCHE

Redazione di Operai Contro, le principali Borse europee sono in rosso, con Piazza Affari che ha chiuso in calo dello 0,54%, a 15.282 punti, limando le perdite nel pomeriggio. Tra i timori dei frequentatori delle bische c’è lo spettro della crisi del Vecchio Continente, con la Grecia messa all’angolo da Bruxelles e il Portogallo alle prese con il rimpasto del governo. Il rendimento dei titoli portoghesi a dieci anni vola così oltre il 7% per la prima volta da quest’anno, dopo le dimissioni di due ministri dal governo di Pedro Coelho, con lo spread tra i bond portoghesi e il bund tedesco in rialzo a 584 punti base. In salita […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

le principali Borse europee sono in rosso, con Piazza Affari che ha chiuso in calo dello 0,54%, a 15.282 punti, limando le perdite nel pomeriggio.

Tra i timori dei frequentatori delle bische c’è lo spettro della crisi del Vecchio Continente, con la Grecia messa all’angolo da Bruxelles e il Portogallo alle prese con il rimpasto del governo.

Il rendimento dei titoli portoghesi a dieci anni vola così oltre il 7% per la prima volta da quest’anno, dopo le dimissioni di due ministri dal governo di Pedro Coelho, con lo spread tra i bond portoghesi e il bund tedesco in rialzo a 584 punti base. In salita anche il differenziale tra titoli italiani e tedeschi, che è salito a oltre 290 punti per poi chiudere a quota 284. Il prossimo appuntamento decisivo per l’Ue è lunedì prossimo, quando Bruxelles deciderà sulla nuova tranche di aiuti da 8,1 miliardi.

Timori anche dall’altra parte del mondo. A partire dalla Cina, dove l’indice Pmi sul settore dei servizi a giugno è sceso a 53,9 punti dai 54,3 punti di maggio, segnando il minimo da nove mesi. Preoccupano anche gli Stati Uniti, dove i riflettori sono puntati sui dati macroeconomici in arrivo, che potrebbero decidere le nuove mosse della Federal Reserve, dopo l’annuncio delle ultime settimane sul possibile stop agli stimoli all’economia: in arrivo l’indice sulle richieste di mutui, sull’occupazione del settore privato e sui sussidi ai disoccupati.

La crisi va avanti

Ora i capitalisti hanno rimandato la ripresa al 2014

Un lettore

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.