Due Grandi potenze, nessuna leadership reale

RASSEGNA STAMPA JOSEF JOFFE (editore del settimanale Die Zeit, dell’Istituto Freeman-Spogli for Intern. Studies e dell’Hoover Institution, entrambi di Stanford) –  Con la visita a Berlino, il presidente americano Obama vuole riportare la Germania sul palcoscenico internazionale, ma la realtà e di amichevole indifferenza: Le loro politiche macro-economiche sono in disaccordo dalla crisi del 2008; gli Usa stanno spostando il loro centro strategico al Pacifico, l’arena chiave del XXI sec., e stanno combattendo l’ingovernabilità; la Germania lascia gestire la politica internazionale a Bruxelles e quella economico-finanziaria alla BCE. –  E questo mentre la scena internazionale è agitata: l’area dal […]
Condividi:

RASSEGNA STAMPA

JOSEF JOFFE

(editore del settimanale Die Zeit, dell’Istituto Freeman-Spogli for Intern. Studies e dell’Hoover Institution, entrambi di Stanford)

–  Con la visita a Berlino, il presidente americano Obama vuole riportare la Germania sul palcoscenico internazionale, ma la realtà e di amichevole indifferenza:

  • Le loro politiche macro-economiche sono in disaccordo dalla crisi del 2008;
  • gli Usa stanno spostando il loro centro strategico al Pacifico, l’arena chiave del XXI sec., e stanno combattendo l’ingovernabilità;
  • la Germania lascia gestire la politica internazionale a Bruxelles e quella economico-finanziaria alla BCE.

–  E questo mentre la scena internazionale è agitata: l’area dal Maghreb al MO è scossa da grosse crisi; attacchi terroristici e informatici, Stati “falliti” come la Siria, Europa in crisi economica, calo della crescita dei BRICS,

–  chi se ne occuperà: Russia, Cina o India?

–  L’America è il numero 1 mondiale, la Germania lo è dell’Europa, sono gli ultimi pesi massimi dell’Occidente, ma preferiscono competere come pesi medi, per la prima volta nella storia delle potenze praticano “l’auto contenimento”, una bilancia di potenza contro se stesse e non contro altre potenze.   Il prezzo è un mondo “non polare”, o “apolare” dove nessuno è al comando.

———————————-

–  La Germania si presenta ufficialmente al presidente americano, Obama, in visita a Berlino, per la prima volta dal 1945 come prima potenza europea,

  • ma è una supremazia per default: perché GB, Francia, Italia e Spagna sono deboli perché non si sono modernizzate e scarsamente competitive.
  • La Merkel non è una grande stratega, presa nella crisi dell’euro tra due mali, può solo cavalcarla, portare denaro e influenza ma non è in grado di salvare grandi paesi come Francia e Italia;
  • lascia che di fatto imperi il governatore della BCE, Draghi.
  • Questa Germania non assumerà un ruolo strategico internazionale, e certamente in Medio Oriente.

–  Gli Usa di Obama stanno ritirandosi dall’Europa (dove sono rimasti solo 30 000 suoi soldati) e dal grande Medio Oriente (da Irak e ora da Afghanistan); in Siria ha impiegato due anni per decidere, farlo prima avrebbe comportato rischi e costi minori; ora Obama non decide ma subisce gli eventi.

  • Russia e Iran invece conducono una politica di potenza:
  • il procuratore dell’Iran, hezbollah, ha mobilitato migliaiai di soldati per difendere il regime di Assad;
  • la Russia ha dispiegato unità navali nel Mediterraneo orientale, e inviato missili anti-aerei e anti-navi.
Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.