DIETRO LA CABALA, LO STATO AUTORITARIO

Caro Operai Contro Tra quattro mesi 40 parlamentari dell’apposito comitato, cominceranno a lavorare, dopo aver sentito le conclusioni dei 35 saggi nominati dal governo, come consulenti e coadiuvati da 7 tecnici. In totale fanno 82. Per gli amanti della Cabala c’è da sbizzarrirsi. Ciò che produrranno gli 82 designati, passerà al Parlamento che, con procedura d’urgenza, entro l’ottobre 2014 dovrà elaborare e approvare le famose riforme istituzionali. Di cosa si tratta? Nuove leggi e modifiche alla costituzione che consentano procedimenti più autoritari e veloci, nelle decisioni ai massimi livelli istituzionali. Da qui l’esigenza di modificare forma di Stato, forma […]
Condividi:

Caro Operai Contro

Tra quattro mesi 40 parlamentari dell’apposito comitato, cominceranno a lavorare, dopo aver sentito le conclusioni dei 35 saggi nominati dal governo, come consulenti e coadiuvati da 7 tecnici. In totale fanno 82. Per gli amanti della Cabala c’è da sbizzarrirsi.

Ciò che produrranno gli 82 designati, passerà al Parlamento che, con procedura d’urgenza, entro l’ottobre 2014 dovrà elaborare e approvare le famose riforme istituzionali.

Di cosa si tratta?

Nuove leggi e modifiche alla costituzione che consentano procedimenti più autoritari e veloci, nelle decisioni ai massimi livelli istituzionali. Da qui l’esigenza di modificare forma di Stato, forma di governo e cancellare il bicameralismo perfetto.

Quanto ci sarà di vero in queste “modifiche” e quanto invece di ridondante, non si sa, quello che è chiaro è lo scopo: preparare il terreno perché certe decisioni anti operaie e antipopolari per le quali lo stato e / o il governo impiegano tempi lunghi, dopo queste riforme possano essere autoritariamente prese dalla sera al mattino, dai regnanti di turno, e questi possano dire davanti all’opinione pubblica di averlo fatto in rispetto delle nuove norme istituzionali.

Il sistema capitalista in crisi dimostra che il suo re è nudo, cerca anche nell’autoritarismo un deterrente alle proteste sociali, perciò ricorre a leggi eccezionali e straordinarie per esercitare il potere, con ogni mezzo.

Ci opporremo alle misure anti operaie e antipopolari.

Le nuove norme istituzionali servono al governo di turno per colpire gli operai e i più deboli.

Il partito operaio è un’esigenza non più derogabile.

Saluti un simpatizzante di Operai Contro.

 

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.