BARACK OBAMA PREMIO NOBEL PER LA PACE PREPARA LA GUERRA

Compagni: Dopo avervi inviato due documenti, il primo senza titolo, il secondo “giovani… sterilizzati e schiavi”, il compagno A. F. al quale riconosco una capacità di analisi sulla fase attuale che condivido, dopo avere letto i documenti condivide quello che affermo sulla crisi. Ha dei dubbi quando affermo che questa crisi ha come sbocco finale la GUERRA. Le sue motivazioni sono: “ i capitalisti non sono stupidi sanno che se vengono utilizzate le armi che ci sono adesso provocherebbero l’annientamento dell’umanità”. Come affermavo in un documento, sono fuori dal dibattito politico nazionale da circa 13 anni per gravi problemi […]
Condividi:

Compagni: Dopo avervi inviato due documenti, il primo senza titolo, il secondo “giovani… sterilizzati e schiavi”, il compagno A. F. al quale riconosco una capacità di analisi sulla fase attuale che condivido, dopo avere letto i documenti condivide quello che affermo sulla crisi. Ha dei dubbi quando affermo che questa crisi ha come sbocco finale la GUERRA. Le sue motivazioni sono: “ i capitalisti non sono stupidi sanno che se vengono utilizzate le armi che ci sono adesso provocherebbero l’annientamento dell’umanità”. Come affermavo in un documento, sono fuori dal dibattito politico nazionale da circa 13 anni per gravi problemi di salute. Ritengo i compagni i soggetti principali della mia presa di coscienza. Quindi non ho paura di affermare quelle che sono le mie riflessioni sullo sbocco della crisi attuale verso la guerra anche se saranno oggetto di critica. Le critiche dei compagni mi hanno fatto crescere. Perché l’ascesa di Obama in un paese notoriamente imperialista? Bush con i suoi atteggiamenti unilaterali e guerrafondai esponeva gli USA alle critiche degli alleati. Facendo così ricadere i costi economici e di vite umane solo su gli USA. Obama è la figura “pulita che la borghesia americana si è data per creare un nuovo ordine mondiale che salva le multinazionali USA dalla crisi”. I “politicanti mondiali”, i mass-media mondiali, glorificavano la democrazia americana: un nero alla guida di una delle nazione più potente al mondo e gli hanno dato preventivamente il premio Nobel per la pace; c’è mancato poco che lo facevano pure santo! Obama: L’uomo giusto al posto giusto. Ha garantito la pace sociale alla borghesia americana sulla pelle degli sfruttati neri e degli immigrati. La cosa più grave è che sta preparando una guerra che è sotto gli occhi di tutti ma tutti fanno finta di non vedere. Questo non deve stupirci: i Democratici Americani hanno sempre fatto il lavoro sporco per la borghesia Americana. Truman fece sganciare le prime 2 bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki , in un colpo solo uccise oltre 200.000 persone e ancora oggi la popolazione paga sulla propria pelle le conseguenze di questo crimine scellerato. Anche perché la guerra contro i Giapponesi ormai allo stremo volgeva al termine. Il tutto per dare un segnale alla Russia. E al mondo intero. Un altro amatissimo presidente democratico il buonissimo e quasi santo J. F. KENNEDY diede inizio alla guerra in Vietnam dove gli Americani hanno messo in atto quello che sanno fare benissimo: massacri tipo quello fatto a My Lai e bombardamenti con il napalm, la fotografia di quella bambina tutta ustionata che corre terrorizzata chiede ancora vendetta. Il buono e amato BARACK OBAMA utilizza i droni per combattere il terrorismo, peccato se spesso muoiono dei civili soprattutto donne e bambini: la democrazia comporta dei sacrifici. Solo uno sprovveduto poteva rimanere abbagliato dalle cosi dette rivoluzione mediorientali. La realtà e che gli americani hanno eliminato i regimi autoritari in Iraq, Egitto, Libia, Tunisia, e adesso anche in Siria dove hanno messo uomini più affidabili che per la maggior parte hanno vissuto in America. Tutto questo dopo che hanno assoggettato e sconvolto i paesi balcanici. Perché tutto questo? Mi viene in mente una dichiarazione che fece il generale Americano WESLEY CLARK, artefice principale di una buona parte di queste guerre “gli USA stanno combattendo queste guerre per addestrare i soldati e sperimentare nuove armi in vista di quel conflitto che per gli USA sarà inevitabile cioè quello con la Cina”. I POLITICANTI ITALIANI FANNO FINTA DI NON SAPERE O SONO CONSENZIENTI, DI SICURO I NOSTRI MILITARI QUESTO LO SANNO, PERCIO’ CHIEDONO DI ACQUISTARE ARMI COME GLI F35 FACENDO SPENDERE OLTRE 100 MILIARDI DI EURO E OLTRETUTTO NON SONO SICURI? UNA EVENTUALE GUERRA CONTRO LA CINA NECESSITA DI UN CONTROLLO MILITARE DELLE ROTTE PETROLIFERE CREANDO UNA RETROGUARDIA SICURA E AFFIDABILE Come si svolgerà questo nuovo massacro lo ignoro; la RUSSIA se non rimarrà neutrale ci penseranno i paesi Europei a controllarla con gli arsenali pieni di bombe atomiche che hanno. Anche noi abbiamo sparso per il mondo militari che esportano la democrazia con le armi a scopo umanitario. Tutto questo è frutto di un’analisi poco attendibile di un compagno che è fuori dal dibattito da molti anni? Gli USA non hanno mai rinunciato al primo colpo. Di barbarie in nome della democrazia e contro il terrorismo ne hanno fatte tantissime. Operai non permettiamo una nuova macelleria mondiale. I nostri politicanti sono assoggettati alla borghesia nostrana, quella che chiude le fabbriche o le trasferisce dove la forza lavoro è più a buon mercato. I politicanti per darci quella miseria di CIG prendono i soldi dalle nostre tasche, ci fanno la cresta sopra e dopo ci fanno l’elemosina. Ci rendiamo conto che mentre intere famiglie vengono buttate in miseria si spendono miliardi per armarsi? “CHE FARE”? Se quello che ho scritto sopra corrisponde alla realtà, per i comunisti è ineludibile la costruzione di un partito indipendente. Il ragionamento da fare è su come e in che modo i dirigenti di tale partito si devono tutelare e muoversi. La loro democrazia si regge sulla nostra sottomissione. Quando prenderemo coscienza della nostra forza e metteremo “in discussione lo stato di cose presente” come reagirà la nostra borghesia? Che ruolo avranno i militari? Qualche assaggio già c’è lo danno: manganelli, denunce, per gli operai e i giovani che lottano contro i licenziamenti e la miseria sempre più estesa fra le nostre fila. Non spaventiamoci, uniti facciamo paura; non deleghiamo nessuno a difendere i nostri interessi. Il bluff di Grillo è stato scoperto; adesso i mass-media e una parte della borghesia sponsorizzano un altro ciarlatano della politica: Matteo Renzi il quale sta facendo le sue fortune su una classe di politicanti allo sbando. Non spende una parola su questa crisi e su come uscirne. Fa di tutto per apparire agli occhi della borghesia come l’uomo giusto al posto giusto. Stiamo sperimentando sulla nostra pelle che la crisi è dovuta al modo di produzione Capitalista. E che ne usciremo solo cambiando in modo radicale questa società basata sullo sfruttamento dell’uomo sull’uomo. Operai, costruiamo il nostro partito. Dopo vedremo come va a finire. Farneticazione di un sessantenne, fuori dal dibattito da molti anni. Può darsi. Perciò chiedo aiuto ai compagni a darmi una mano a capire: lo avete fatto nel passato, fatelo anche adesso! Un forte abbraccio ai COMUNISTI!

ANTONIO

 

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.