PREPARIAMOCI

Redazione di Operai Contro, le fabbriche chiudono e noi operai siamo condannati alla miseria e alla fame. La piccola borghesia tenta di cavalcare la nostra rabbia. I fantasmi del passato si rifanno vivi. I piccoli “Lenin” alla Adriano Soffri si rifanno vivi. Indicono assemblee e scioperi fantasma, si fanno fotografare agli scioperi dei facchini. Noi operai non abbiamo più tempo ne voglia di questi cialtroni conquistati dalla piccola borghesia. E’ la fabbrica il posto in cui dobbiamo organizzarci. Piccoli gruppi di operai che lavorano per formare il loro partito. E’ una lotta difficile. Lontano dai riflettori, ma è la […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

le fabbriche chiudono e noi operai siamo condannati alla miseria e alla fame.

La piccola borghesia tenta di cavalcare la nostra rabbia.

I fantasmi del passato si rifanno vivi.

I piccoli “Lenin” alla Adriano Soffri si rifanno vivi.

Indicono assemblee e scioperi fantasma, si fanno fotografare agli scioperi dei facchini.

Noi operai non abbiamo più tempo ne voglia di questi cialtroni conquistati dalla piccola borghesia.

E’ la fabbrica il posto in cui dobbiamo organizzarci. Piccoli gruppi di operai che lavorano per formare il loro partito.

E’ una lotta difficile. Lontano dai riflettori, ma è la nostra arma migliore.

Operai prepariamoci

Un operaio di Milano

Condividi:

Facebook Comments

1 Comment

  1. alanza53

    non ci resta che la lotta durante il fascismo gli operai rischiavano la vita nonostante ciò hanno fatto scioperi memorabili organizziamoci i sindacati sono tutti compromessi a Modena hanno chiuso una fabbrica nonostante la volontà dei lavoratori di lottare, ma la cosa più assurda e che dopo la chiusura il funzionario della Fiom ha chiesto e ottenuto che gli operai pagassero il gazzebo che gli avevano montato. Il presente è la lotta anche dura, ma se organizziamo il nostro partito senza delegare nessuno a difesa dei nostri interessi il futuro è nostro.