ELEZIONI, AUMENTA L’ASTESIONISMO

Redazione di Operai Contro, nuovo crollo del numero dei votanti. Ormai vanno a votare solo i politici, i loro familiari, quelli che hanno venduto il voto. Possono dare tutte le percentuali che vogliono La democrazia del voto è morta e non rompano più i coglioni Tutti i partititi, tutti i politici, sono dei ladri al servizio dei padroni Cresce l’astensionismo nella capitale. Alle ore 12 l’affluenza dei votanti per eleggere il sindaco di Roma è pari all’8,26%, in flessione rispetto al 9,32 del primo turno. Il calo è stato dell’1,06%. Lo rende noto il Viminale. Dal momento che si […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

nuovo crollo del numero dei votanti.

Ormai vanno a votare solo i politici, i loro familiari, quelli che hanno venduto il voto.

Possono dare tutte le percentuali che vogliono

La democrazia del voto è morta e non rompano più i coglioni

Tutti i partititi, tutti i politici, sono dei ladri al servizio dei padroni

Cresce l’astensionismo nella capitale. Alle ore 12 l’affluenza dei votanti per eleggere il sindaco di Roma è pari all’8,26%, in flessione rispetto al 9,32 del primo turno. Il calo è stato dell’1,06%. Lo rende noto il Viminale.

Dal momento che si sono chiuse le urne del primo turno, la preoccupazione maggiore di tutti i partiti per il ballottaggio è stata proprio l’astensionismo. Dopo il forte crollo dell’affluenza registrato il 26 e 27 maggio, quando aveva votato un romano su due (per la precisione il 52.80% degli aventi diritto) sono stati numerosi gli appelli ad andare a votare. E la campagna elettorale dei due sfidanti in ballottagfio L’affluenza al ballottaggio del 2008 era stata del 63.12% (contro il 73.66% del primo turno).

Il parlamento,i consigli regionali, i consigli provinciali, i consigli comunali, sono eletti da una minoranza.

Operai si avvicina la nostra primavera

BALLOTTAGGIO_big

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.