CUCCHI, LA GIUSTIZIA DEI PADRONI

Redazione di Operai Contro, Per la morte di Cucchi nessuno andrà in galera.  E’ la sentenza di primo grado del processo per la morte di Stefano Cucchi, il giovane arrestato il 15 ottobre 2009 per droga e morto una settimana dopo al Reparto di medicina protetta dell’ospedale Sandro Pertini di Roma. La lettura del dispositivo, nell’aula bunker del carcere di Rebibbia dov’era riunita la III Corte d’Assise del tribunale della capitale, è stata accompagnato dalle grida del pubblico, che hanno urlato “vergogna” e “assassini” all’indirizzo degli imputati  Un caso di violenza, tortura e morte è stato trattato come una vicenda di mala […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

Per la morte di Cucchi nessuno andrà in galera. 

E’ la sentenza di primo grado del processo per la morte di Stefano Cucchi, il giovane arrestato il 15 ottobre 2009 per droga e morto una settimana dopo al Reparto di medicina protetta dell’ospedale Sandro Pertini di Roma.

La lettura del dispositivo, nell’aula bunker del carcere di Rebibbia dov’era riunita la III Corte d’Assise del tribunale della capitale, è stata accompagnato dalle grida del pubblico, che hanno urlato “vergogna” e “assassini” all’indirizzo degli imputati 

Un caso di violenza, tortura e morte è stato trattato come una vicenda di mala sanità.

Questa è la giustizia della Repubblica dei padroni

Un lettore

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.