RIFORME ENTRO 18 MESI

Egregio Direttore, Napolitano ha dato l’ultimatum: “vigilerò sui partiti, riforme certe entro 18 mesi”. Quali sarebbero queste riforme? Napolitano parla chiaro: “da qui al giugno 2014 l’Italia dovrà darsi una prospettiva nuova”. Le famose riforme sarebbero “una nuova prospettiva”, nel dettaglio: –        nuove regole per eleggere il capo dello Stato –        cambiare la legge elettorale, o almeno fingerlo di farlo –        certezze che ai partiti, con il nuovo finanziamento arrivino più soldi di prima. Queste sarebbero le riforme principali nella “nuova prospettiva” delineata da Napolitano. Operai, se non vogliamo arrivare al “si salvi chi può”, costruiamo il nostro partito. […]
Condividi:

Egregio Direttore,

Napolitano ha dato l’ultimatum: “vigilerò sui partiti, riforme certe entro 18 mesi”.

Quali sarebbero queste riforme?

Napolitano parla chiaro: “da qui al giugno 2014 l’Italia dovrà darsi una prospettiva nuova”.

Le famose riforme sarebbero “una nuova prospettiva”, nel dettaglio:

–        nuove regole per eleggere il capo dello Stato

–        cambiare la legge elettorale, o almeno fingerlo di farlo

–        certezze che ai partiti, con il nuovo finanziamento arrivino più soldi di prima.

Queste sarebbero le riforme principali nella “nuova prospettiva” delineata da Napolitano.

Operai, se non vogliamo arrivare al “si salvi chi può”, costruiamo il nostro partito.

Saluti da un affezionato lettore.

Condividi:

Facebook Comments

2 Comments

  1. Sempar

    Al “si salvi chi può” ci arriviamo sicuramente.
    L’unica differenza è COME NOI ci dobbiamo arrivare.

  2. Ercole2

    Ci arriveremo molto male ,,60 anni di Stalinismo ,e riformismo hanno inciso pesantemente sulla coscienza operaia ,allo stato attuale ci sono poche forze (piccoli gruppi) che si richiamano al marxismo -leninismo rivoluzionario che lo hanno preservato da tutte le derive possibili a livello internazionale. La crisi imporrebbe la presenza di avanguardie che diano indicazioni sul CHE FARE , ma siamo maledettamente pochi è divisi.La pazienza è una virtù rivoluzionaria…..ma temo che la borghesia ci porterà ad un nuovo macello mondiale e risolverà la sua crisi, cio non toglie che la partita c’è la giocheremo volenti o nolenti (VOLENTI).