CENTRO SOCIALE ZAMA: IL GOVERNO Pd-Pdl, METODI VECCHI E MANGANELLI NUOVI

Mercoledì mattina cinque camionette della polizia e dei carabinieri e una cinquantina di agenti in assetto antisommossa, accompagnati da circa una ventina di uomini della Digos, si sono presentati in via Olgiati per sgomberare il centro sociale Zam (Zona Autonoma Milano), nato in un palazzo abbandonato alla periferia sud di Milano due anni fa. In via Olgiati fino ad una decina di anni fa c’era una fabbrica di affettatrici, che si è spostata in zona Rubattino. Da allora la palazzina è rimasta sfitta e i giovani del collettivo Zam l’hanno restaurata, creando tra le altre cose una palestra per […]
Condividi:

Mercoledì mattina cinque camionette della polizia e dei carabinieri e una cinquantina di agenti in assetto antisommossa, accompagnati da circa una ventina di uomini della Digos, si sono presentati in via Olgiati per sgomberare il centro sociale Zam (Zona Autonoma Milano), nato in un palazzo abbandonato alla periferia sud di Milano due anni fa. In via Olgiati fino ad una decina di anni fa c’era una fabbrica di affettatrici, che si è spostata in zona Rubattino. Da allora la palazzina è rimasta sfitta e i giovani del collettivo Zam l’hanno restaurata, creando tra le altre cose una palestra per l’arrampicata sportiva e un auditorium per concerti e proiezione di film. Gli occupanti raccontano di aver organizzato nello spazio centinaia di concerti ed eventi culturali su 3 palcoscenici, un film festival, due laboratori di hip-hop e teatro, una palestra con oltre 150 frequentatori, 1550 prese da arrampicata su oltre 160 mq.

 

Zam, lo sgomberoZam, lo sgombero    Zam, lo sgombero    Zam, lo sgombero    Zam, lo sgombero    Zam, lo sgombero

TENSIONE – Gli occupanti hanno portato in strada tavoli, sedie e inferriate a mo’ di barricata. Parte di questi oggetti sono andati a fuoco, e sul posto sono intervenuti i pompieri. La via è stata chiusa al traffico. All’inizio della via è stato appeso uno striscione «Da grandi poteri derivano grandi responsabilità». Contro gli agenti sono state lanciate bottiglie di vernice e fumogeni. «Appena arrivati, polizia e carabinieri hanno trascinato con forza chi opponeva resistenza passiva all’inizio di via Olgiati», raccontano gli attivisti. «Una volta spostate le prime barriere, una ruspa della polizia si è diretta verso le barricate che occupavano la via, ma è stata costretta a fermarsi». Due giovani sono saliti sul tetto e hanno srotolato uno striscione con la scritta «Stay Zam, i sogni continuano». I due militanti saliti sul tetto, Matteo e Andrea, sono scesi poco prima delle 13. «Questo pomeriggio andremo fino a Palazzo Marino – ha detto Matteo – perché in campagna elettorale Pisapia aveva promesso più spazi e queste promesse non sono state mantenute». Quindi andremo sino a Palazzo Marino per chiedere perché gli sgomberi stanno proseguendo».

 

 

Un ragazzo si toglie la maglietta per mostrare il segno del manganello (Fotogramma)Un ragazzo si toglie la maglietta per mostrare il segno del manganello (Fotogramma)

SCONTRI IN PIAZZA SCALA – Poco dopo le 17, un corteo composto da un centinaio di persone è partito da Porta Genova diretto a Palazzo Marino. Il corteo è stato aperto da due camionette dei carabinieri in testa seguite dallo striscione «Case, fatti, università, basta sgomberi in questa città». Scontri tra forze dell’ordine e manifestanti davanti a Palazzo Marino, con lancio di fumogeni in piazza Scala. Per tre volte la polizia ha respinto, usando anche i manganelli, i manifestanti che tentavano di entrare nella sede del Comune. Nei momenti concitati, dal gruppo di militanti del centro sociale sgomberato si sono levati insulti contro il sindaco Giuliano Pisapia (per loro «reo» di non essere intervenuto per sbloccare lo sgombero) e sono stati lanciati alcuni fumogeni in direzione dell’edificio e degli agenti disposti a protezione.

 

Zam, scontri in piazza ScalaZam, scontri in piazza Scala    Zam, scontri in piazza Scala    Zam, scontri in piazza Scala    Zam, scontri in piazza Scala    Zam, scontri in piazza Scala

 

Scontri in piazza Scala (Newpress)Scontri in piazza Scala (Newpress)

PISAPIA – «La giunta di Milano ha sempre dimostrato la sua volontà di dialogare con tutti e di favorire la risoluzione dei problemi nell’ambito della legalità», ha dichiarato il sindaco Giuliano Pisapia. «Per questo è inaccettabile qualsiasi prepotenza e violenza davanti alla sede del Comune, la casa di tutti i milanesi. Oltretutto proprio in quel momento dentro il Comune si stava svolgendo un incontro sul tema dell’acqua come bene comune, a dimostrazione dell’impegno di Milano su temi fondamentali per una equa distribuzione delle risorse e per la buona politica», ha concluso il sindaco.

 

Redazione Milano online

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.