Fiat CNH Modena; FERIE FORZATE & SABATI OBBLIGATORI!!!

Nei giorni scorsi la direzione Fiat ha inaugurato un nuovo livello della dittatura padronale su gli operai, ha escogitato il “nuovo” metodo delle “ferie forzate”, in pratica una moltitudine di operai vengono messi a riposo incentivato (intanto per 1-2 giorni) a seconda dei reparti (principalmente al montaggio),  la scusante per ora è stata “problemi di fornitura” … il Salario è inchiodato ai piu’ bassi livelli d’europa, non si smuove, la Fiat stessa ci comunica che il cosiddetto “premio” produttivo anche quest’ anno sarà falcidiato. L’unico aumento  che si vede e’ solo di lavoro realizzato con meno operai in fabbrica, […]
Condividi:
Nei giorni scorsi la direzione Fiat ha inaugurato un nuovo livello della dittatura padronale su gli operai, ha escogitato il “nuovo” metodo delle “ferie forzate”, in pratica una moltitudine di operai vengono messi a riposo incentivato (intanto per 1-2 giorni) a seconda dei reparti (principalmente al montaggio),  la scusante per ora è stata “problemi di fornitura” …
il Salario è inchiodato ai piu’ bassi livelli d’europa, non si smuove, la Fiat stessa ci comunica che il cosiddetto “premio” produttivo anche quest’ anno sarà falcidiato.
L’unico aumento  che si vede e’ solo di lavoro realizzato con meno operai in fabbrica, peggiorando la sicurezza e le manutenzioni, d’altronde chi ha difeso la salute e la sicurezza sul posto di lavoro e’ andato incontro a licenziamenti politici dell’azienda, che ha creduto di allontanare lo zoccolo duro degli operai dagli stessi . Ma nello stesso tempo ci hanno comunicato ulteriori SABATI DI STRAORDINARIO OBBLIGATORIO, “SOLO” IN UNA PARTE DELLO STABILIMENTO, per i giorni 25 maggio 2013 e 1 giugno 2013. (come dire in via sperimentale, sabati a macchia di leopardo poi se gli operai si presentano magari in un prossimo futuro diventa la regola, la prassi).
Inoltre continua senza nessun freno, in base al ccsl (specifico) la sciagurata trattenuta sulle malattie brevi già firmato dai sindacati firmatutto CISL-UIL-FISMIC-UGL. i restanti (ex?) delegati di Fiom e Si-Cobas, non stanno indicando nessuna azione di contrasto, lamentando una presunta accettazione degli operai di questo clima, lavandosene di fatto le mani.
Operai non possiamo piu’ aspettare che qualcuno arrivi dal cielo a risolvere i nostri problemi, dobbiamo metterci mano e farlo adesso. Siamo considerati carne da macello dal padrone, e forza inerte da chi ci dovrebbe difendere. Spesso ci vengono a dire che siamo solo l’ultima ruota del carro, ma siamo noi che mandiamo avanti, teniamo in sesto, teniamo in rotta tutta la nave della produzione, della ricchezza, che poi i padroni si appropriano e con i loro “soci” si spartiscono. Marchionne e i suoi emuli spadroneggiano perchè nessuno gli sta’ fermando gli stabilimenti, a partire da quelli dove la produzione viaggia. Operai, la risposta alle nostre sofferenze al nostro sfruttamento la possiamo dare solo noi, uniti e organizzati, al meglio delle nostre possibilità attuali, e future. il tempo delle chiacchere lasciamole alle sigle sindacali, che per giustificare il loro operato a favore di Marchionne e della Fiat cioè FISMIC-UIL-CISL-ASS.QUADRI, nascondono il loro fallimento tra gli operai, salvo poi ripensamenti tardivi come le “autosospensioni” farlocche di delegati, in saletta sindacale…
OPERAI PER TUTTE QUESTE RAGIONI CI VUOLE LO SCIOPERO PER L’INTERA GIORNATA DI LAVORO 25 MAGGIO 2013 E 1 GIUGNO 2013;
GRUPPO DI OPERAI FIAT CNH Modena
Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.