SENZA IL LAVORO, IL PAESE MUORE

Cara redazione di Operai Contro, Sindacati uniti  nella tradizionale festa del Primo maggio dedicata ai lavoratori. Camusso, Bonanni e Angeletti, i tre segretari confederali sul palco a Perugia, in un Paese in preda a uno smottamento occupazionale con gli ultimi dati Istat (di ieri) che contabilizzano una disoccupazione giovanile al 38,4% e le decine di vertenze industriali sul tavolo del ministero dello Sviluppo Economico. Così rileva Susanna Camusso, segretario generale Cgil, «senza lavoro il Paese muore e questo Paese non può morire» aprendo il suo intervento. Hanno ragione. Senza il lavoro di noi operai, i padroni non possono sopravvivere. […]
Condividi:

Cara redazione di Operai Contro,

Sindacati uniti  nella tradizionale festa del Primo maggio dedicata ai lavoratori. Camusso, Bonanni e Angeletti, i tre segretari confederali sul palco a Perugia, in un Paese in preda a uno smottamento occupazionale con gli ultimi dati Istat (di ieri) che contabilizzano una disoccupazione giovanile al 38,4% e le decine di vertenze industriali sul tavolo del ministero dello Sviluppo Economico. Così rileva Susanna Camusso, segretario generale Cgil, «senza lavoro il Paese muore e questo Paese non può morire» aprendo il suo intervento.

Hanno ragione. Senza il lavoro di noi operai, i padroni non possono sopravvivere.

Hanno ragione. Senza il lavoro di noi operai, i sindacalisti non hanno più nessuno da svendere ai padroni, non hanno più mazzette da incassare.

Noi operai possiamo fare a meno dei padroni e della CGIL-CISL-UIL

Un operaio di Perugia

 

 

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.