IL CANTIERE DELLA RESTAURAZIONE

Egregio Direttore Napolitano il redivivo, è comparso all’improvviso a fianco di Letta mentre presentava il governo, per legittimarlo e dire che questo governo è “politico”. Ma quale governo non lo è mai stato, al di là della pura invenzione dei governi cosidetti “tecnici”? Letta, staffetta di Napolitano e garzone dell’inciucio più palese, quale soluzione ha per gli esodati, i disoccupati, i giovani senza lavoro, la cassa integrazione che scade, i licenziamenti quotidiani e la chiusura delle fabbriche? “Si apre il cantiere delle riforme” titolano i giornali. Contro le “riforme” antioperaie e antipopolari per mantenere padroni, banchieri e ricchi, organizziamo […]
Condividi:

Egregio Direttore

Napolitano il redivivo, è comparso all’improvviso a fianco di Letta mentre presentava il governo, per legittimarlo e dire che questo governo è “politico”.

Ma quale governo non lo è mai stato, al di là della pura invenzione dei governi cosidetti “tecnici”?

Letta, staffetta di Napolitano e garzone dell’inciucio più palese, quale soluzione ha per gli esodati, i disoccupati, i giovani senza lavoro, la cassa integrazione che scade, i licenziamenti quotidiani e la chiusura delle fabbriche?

“Si apre il cantiere delle riforme” titolano i giornali.

Contro le “riforme” antioperaie e antipopolari per mantenere padroni, banchieri e ricchi, organizziamo la resistenza, organizziamo il Partito Operaio.

Saluti operai incazzati

Condividi:

Facebook Comments

1 Comment

  1. alanza53

    L’acqua è poc e la papra nù galleg Ci governano contro la maggioranza degli Italiani grazie a RE’ Giorgio 1° L’INGIUCIATORE .Per tenersi il trono ha fatto si che non si formasse un governo nomina 10 saggi del regno tra i vassalli più fedeli . chi se non lui poteva garantire cosi la governabilità del regno .P nu poc sa fat tra la cauzet e rop a dit nun voglio ma p lu paes facc o sacrificio ( per un po’ si è fatto tirare le calze e dopo a detto non voglio ma per il paese faccio il sacrificio). Maestà ma di quale paese parla, quello dei padroni, dei banchieri dei lacchè politici e sindacali che affamano il popolo o quello di chi subisce le angherie dei potenti: come licenziamenti, salari da fame, muore sul lavoro o resta mutilato a vita, e giovani senza futuro . maestà per i senza diritti , cera o non cera non cambia niente le cose per noi cambieranno solo se ci uniamo allora si che il suo trono, il dominio dei padroni, e quello dei lacchè vacilla. I giovani rottamatori, vogliono sostituire i vecchi lacchè con il loro populismo. Si guardano bene di indicare, nei padroni e nel lavoro salariato cioè nel capitalismo le cause della fame, e le guerre che affliggono l’ umanità. Come i vecchi lacchè. Debora Serracchiani dice che in Friuli ha vinto. Bugiarda. Questi i numeri avendo diritto di voto 1.099.334 hanno votato 554.947 il 50,48% lei ha preso 211508. il 39,39 % dei votanti. Il19,23% degli avendo diritto di voto che mi ridi che esulti. Il lupo perde il pelo ma non il vizio scusatemi sé paragono il bellissimo lupo a queste squallide figure Antonio