LA COSTITUZIONE VIOLATA

Redazione di Operai Contro,  “Adesso Napolitano farà un governo, è la cosa più urgente della quale ha bisogno il Paese. …..il governo seguirà le indicazioni di scopo che il Capo dello Stato gli affiderà in parte già contenute nel documento dei “saggi” a lui consegnato una decina di giorni fa e già reso pubblico.” (E.Scalfari , la repubblica 21/04/2013)  Il giornalista borghese di sinistra Eugenio Scalfari rileva,senza denunciarla,  la forzatura del gran ciambellano della borghesia italiana. Secondo la costituzione, infatti, Napolitano non potrebbe fare un governo né tantomeno dare indicazioni di sorta all’esecutivo, queste prerogative  secondo la democrazia formale della […]
Condividi:

Redazione di Operai Contro,

 “Adesso Napolitano farà un governo, è la cosa più urgente della quale ha bisogno il Paese.

…..il governo seguirà le indicazioni di scopo che il Capo dello Stato gli affiderà in parte già contenute nel documento dei “saggi” a lui consegnato una decina di giorni fa e già reso pubblico.” (E.Scalfari , la repubblica 21/04/2013)

 Il giornalista borghese di sinistra Eugenio Scalfari rileva,senza denunciarla,  la forzatura del gran ciambellano della borghesia italiana.

Secondo la costituzione, infatti, Napolitano non potrebbe fare un governo né tantomeno dare indicazioni di sorta all’esecutivo, queste prerogative  secondo la democrazia formale della stessa borghesia sono compito esclusivo del parlamento e del consiglio dei ministri.

I partiti borghesi di destra e di sinistra non sono riusciti in parlamento a mettersi d’accordo nel nominare un presidente condiviso, il PD meno L è completamente imploso. Questa emergenza impone una ristrutturazione delle istituzioni ed una “riforma” in senso autoritario della stessa presidenza della repubblica. Le procedure formali da rispettare sono saltate quindi i servi più lucidi dei padroni sono costretti a forzarle.

Gli operai si trovano davanti a due alternative: seguire la piccola borghesia rovinata dalla crisi nella sterile denuncia della costituzione violata,  oppure prendere atto che la ristrutturazione dello stato dei padroni non si potrà che tradurre in una politica antioperaia.

Gli operai non possono che riconoscere l’eccezionalità della fase e quindi la necessita di rompere indugi e “ procedure” accelerando la costituzione del partito degli operai. 

di seguito il collegamento all’editoriale di E.Scalfari

http://www.vip.it/eugenio-scalfari-editoriale-di-domenica-21-aprile-2013-solo-lui-puo-riparare-il-motore-imballato/

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.