TUTTI INTEGRATI A POMIGLIANO

volantino, distribuito giovedì al presidio in regione degli operai ergom da parte di un gruppo di operai di Nola.      GLI EX ERGOM E I 316 DI NOLA UN UNICO OBIETTIVO  Dopo mesi di appuntamenti rinviati, la riunione per l’ex Ergom si fa proprio l’11 aprile, proprio il giorno dell’assemblea a Pomigliano su quella schifezza di contratto a cui i vertici aziendali non hanno voluto far partecipare i cassintegrati. E’ una nuova presa in giro. Marchionne ha stretto un patto con UILM FIM FISMIC UGL e i politici, per dividere gli operai ed evitare casini quando la cassa integrazione a […]
Condividi

volantino, distribuito giovedì al presidio in regione degli operai ergom

da parte di un gruppo di operai di Nola.     

GLI EX ERGOM E I 316 DI NOLA UN UNICO OBIETTIVO 

Dopo mesi di appuntamenti rinviati, la riunione per l’ex Ergom si fa proprio l’11 aprile, proprio il giorno dell’assemblea a Pomigliano su quella schifezza di contratto a cui i vertici aziendali non hanno voluto far partecipare i cassintegrati.

E’ una nuova presa in giro.

Marchionne ha stretto un patto con UILM FIM FISMIC UGL e i politici, per dividere gli operai ed evitare casini quando la cassa integrazione a luglio finirà. Questo è il motivo per cui ha eliminato la FIP e ha ricostituito la vecchia società FIAT GROUP AUTOMOBILES. Solo così poteva prolungare la cassa integrazione per gli operai di Pomigliano Ma quelli di Nola e gli ex Ergom non li ha voluti. Il mercato non tira e in futuro lo stesso stabilimento di Pomigliano può essere a rischio chiusura. Doveva sfoltire le file dei futuri nemici, ridurre e dividere gli operai da affrontare. Allora, fuori per adesso quelli di Nola e gli ex Ergom.

Quelli di Nola terziarizzati. Gli ex Ergom non più in FIAT. Sarà compito dei politici trovare la soluzione. Non sarà più un problema di Marchionne.

Questi sono gli scenari e UILM FIM FISMIC UGL lo sanno benissimo. E’ già tutto deciso, ora ci portano ancora un po’ in giro.

Ricordiamo ancora le parole entusiaste dei segretari di questi sindacati due anni fa:

“ La ex Ergom si farà due anni di cassa integrazione per cessazione attività e poi i lavoratori verranno integrati a Pomigliano”. “ Nola, dopo due anni di cassa integrazione, servirà Cassino, Val di Sangro, Melfi e Pomigliano, con lo smistamento dei particolari da sdoganare”.

Ci hanno fregato per due anni e ora continuano a farlo. Cosa facciamo? andiamo ancora dietro alle loro chiacchiere? Questi sono nemici dei lavoratori. Sono l’altra faccia del padrone. Basta con le prese in giro. Mancano meno di due mesi alla scadenza della cassa integrazione. Anni di attesa. Cause legali inutili, come quella dei 316 a Nola. Passeggiate da vescovi e politici. Questo non ci ha portato a niente!

Ora o ci mobilitiamo direttamente e seriamente, o siamo definitivamente fregati!

 

Comitato cassintegrati e licenziati FIAT

Condividi

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.