SCIOCCATI

La CGIL Piemonte (neanche il nazionale) si dice “scioccata, interdetta ed angosciata” per la morte della giovane operaia di Biella, Maria Elena, madre di due figli. Maria Elena è stata stritolata dal macchinario tessile al quale stava lavorando nella fabbrica di Cerreto Castello. “Bisogna andare oltre il dolore e riaffermare quanto sia importante investire sulla formazione e la sicurezza nei luoghi di lavoro” scrivono gli scioccati. I tessili possono lavorare fino a 48 ore settimanali con maggiorazioni del 15%. Il contratto nazionale lo hanno firmato i confederali, scioccati compresi. Ma tutta l’importanza del tema “uccisi dal lavoro” dove si […]
Condividi:

La CGIL Piemonte (neanche il nazionale) si dice “scioccata, interdetta
ed angosciata” per la morte della giovane operaia di Biella, Maria
Elena, madre di due figli.

Maria Elena è stata stritolata dal macchinario tessile al quale stava
lavorando nella fabbrica di Cerreto Castello.

“Bisogna andare oltre il dolore e riaffermare quanto sia importante
investire sulla formazione e la sicurezza nei luoghi di lavoro” scrivono
gli scioccati.

I tessili possono lavorare fino a 48 ore settimanali con maggiorazioni
del 15%. Il contratto nazionale lo hanno firmato i confederali,
scioccati compresi.

Ma tutta l’importanza del tema “uccisi dal lavoro” dove si trova nelle
30 pagine di “piano del lavoro” della Camusso & co. ?

Io non l’ho trovato.

Ciò è scioccante.

Sicuri saluti formativi da Pavia

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.