OCCUPATI GLI UFFICI DELLA NOKIA

Caro Operai Contro A loro non basta il macchinario che Jabil mette a disposizione. Da solo non basta a riavere un salario in cambio del lavoro. Chiedono l’impegno formale di Nokia ad assumere un ruolo centrale nel neutralizzare i licenziamenti. Lo chiedono in vista dell’incontro di lunedì a Roma tra Invitalia, regione, provincia, comune, Nokia e Jabil. Una giornata scoppiettante quella di oggi per gli operai della Jabil, che occupano la fabbrica da oltre un anno. Sganciatisi dal presidio sui cancelli, alle 10 di stamani, sono entrati nella fabbrica ferma, le operaie e gli operai della Jabil, hanno raggiunto […]
Condividi:

Caro Operai Contro

A loro non basta il macchinario che Jabil mette a disposizione. Da solo non basta a riavere un salario in cambio del lavoro. Chiedono l’impegno formale di Nokia ad assumere un ruolo centrale nel neutralizzare i licenziamenti.

Lo chiedono in vista dell’incontro di lunedì a Roma tra Invitalia, regione, provincia, comune, Nokia e Jabil.

Una giornata scoppiettante quella di oggi per gli operai della Jabil, che occupano la fabbrica da oltre un anno.

Sganciatisi dal presidio sui cancelli, alle 10 di stamani, sono entrati nella fabbrica ferma, le operaie e gli operai della Jabil, hanno raggiunto gli uffici della Nokia ai piani superiori.

L’invasione degli uffici è salutata dagli impiegati della Nokia, che entrano subito in sciopero e insieme occupano il grande anfratto antistante gli uffici, con l’obbiettivo comune di neutralizzare i licenziamenti.

L’occupazione degli uffici si è protratta fino al pomeriggio, quando i responsabili Nokia visti gli operai che srotolavano i sacchi a pelo sui pavimenti, si son decisi a mettere in comunicazione in viva voce nella sala conferenza, le Rsu e i presidianti, con i vertici Nokia che non si trovavano in fabbrica.

Nokia ha dovuto prendere atto che, la carica combattiva degli operai Jabil, non farà sconti a nessuno.

Dopo l’incontro di lunedì al ministero dello sviluppo, il presidio Jabil valuterà nuove iniziative di lotta.

Sosteniamo questa lotta. IBAN IT 28 S 03127328600 0000 0000 331

Saluti dalla Jabil occupata di Cassina De’ Pecchi.

Condividi:

Facebook Comments

1 Comment

  1. Ercole2

    Solo quando gli operai si muovono autonomamente e uniti nella lotta denudano il potere e possono creare i presupposti per il futuro scontro di classe , oggi per difendere il lavoro ,domani per abbattere il capitalismo ,fuori è contro i sindacati ,fuori è contro i partiti :sosteniamo la lotta dei lavoratori del presidio Jabil un esempio per le future lotte e battaglie a cui saranno chiamati i futuri disoccupati , guidate dalle avanguardie operaie.