FRANCIA, ITALIA, GERMANIA

RASSEGNA STAMPA Le Monde       130227 Sogno tedesco, incubo europeo + Der Spiegel           130129, Bambini immigrati dai paesi in crisi dell’euro – scolari senza parola, Katja Irle –       Un video del settimanale tedesco Spiegel parla dei nuovi “gastarbeiter”, lavoratori immigrati, in Germania: –       non sono più i contadini turchi dell’Anatolia venuti negli anni Sessanta nelle fabbriche dell’auto, –       oggi sono italiani, spagnoli, greci o dei paesi dell’Est Europa; –       sono laureati nelle migliori università dei loro paesi, rappresentano la “giovane élite europea per l’economia tedesca”. Le Monde accusa: Il “sogno tedesco” di Spiegel è l’incubo dell’Europa. –       la Germania Spa […]

RASSEGNA STAMPA

Le Monde       130227

Sogno tedesco, incubo europeo

+ Der Spiegel           130129, Bambini immigrati dai paesi in crisi dell’euro – scolari senza parola, Katja Irle

–       Un video del settimanale tedesco Spiegel parla dei nuovi “gastarbeiter”, lavoratori immigrati, in Germania:

–       non sono più i contadini turchi dell’Anatolia venuti negli anni Sessanta nelle fabbriche dell’auto,

–       oggi sono italiani, spagnoli, greci o dei paesi dell’Est Europa;

–       sono laureati nelle migliori università dei loro paesi, rappresentano la “giovane élite europea per l’economia tedesca”.

Le Monde accusa:

Il “sogno tedesco” di Spiegel è l’incubo dell’Europa.

–       la Germania Spa rifiuta di delocalizzare le sue fabbriche, neppure quando perde la battaglia industriale;

–       il suo neo-protezionismo ha impedito la fusione tra Airbus e British Aerospace per proteggere le fabbriche della Baviera.

–       saccheggia i cervelli latini, in fuga dalla disoccupazione endemica.

–       In questo quadro non c’è da scandalizzarsi per i risultati delle elezioni italiane: sono uno sferzante NO alle ricette europee, un rifiuto della pozione Merkel-Monti.

–       La crisi italiana è la fine dell’era dei governi tecnici inaugurata al G20 di Cannes nel novembre 2011; Merkel e Sarkozy fecero precipitare la caduta del primo ministro greco, Papandreu, ed italiano, Berlusconi.

–       Gli italiani sono il secondo popolo a ribellarsi dopo i greci e non saranno gli ultimi:

–       chi può prevedere i prossimi risultati elettorali in Francia, con una destra parlamentare in rovina e una sinistra depressa?

–       Solo nuove elezioni a un mese di distanza, sotto la minaccia di espulsione dall’euro, consentirono in Grecia una grande coalizione senza le ali estreme.

–       Dato che la Germania impedisce il dibattito sulla parità euro-dollaro o euro-yuan, l’aggiustamento delle competitività viene fatto a spese dell’occupazione provocando la disoccupazione di massa, nel Sud Europa e anche il Francia, tornata a livello 1997, da qui la fuga dei cervelli.

–       È la sconfitta dell’Europa e dell’euro, il Trattato di Maastricht (1992) si dimostra un disastro;

–       le svalutazioni competitive ante-Maastricht erano boccate di ossigeno per compensare il rullo compressore dell’industria tedesca;

–       nel 1997, l’allora candidato alla cancelleria tedesca, Schröder, allora considerato un terribile neo-bismarckiano” aveva avvertito: “cosa succederà quando lo strumento svalutazione non sarà più disponibile e l’economia tedesca s’imporrà ovunque grazie ai suoi forti aumenti di produttività con la moneta unica?”.

L’economia si è vendicata del primato della politica, del “progetto politico dell’euro”, il Sud Europa rischia di sprofondare nella crisi politica e sociale.

————-

Dai dati dell’Ufficio statistico federale tedesco:

Primo semestre 2012 su stesso periodo 2011, immigrati in Germania +15% (+66 000), per un totale di 501 000 (di cui 447 000 stranieri).

–       La maggior parte degli immigrati proviene da paesi UE, +24%;

       dei quali la maggior parte viene, come prima dalla Polonia (89 000);

       sono aumentati fortemente gli immigrati dai paesi in crisi:

o   + 53% dalla Spagna (+3 900); +78% dalla Grecia (+6 900); Portogallo +53% (+2000);

o   dai paesi entrati nella UE nel 2004 +20%, per un totale di 138 000 (da Ungheria +46%);

da paesi entrati nel 2007, +24%, a 88 000.

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.