Archive for Febbraio 26th, 2013

  • Rispetto alla natura ideologica e alla composizione sociale, economica e geografica del movimento grillino, recentemente ho letto (ma ora non ricordo esattamente la fonte giornalistica) alcune cifre che ritengo siano verosimili. Espongo in rapida sintesi tali dati. Anzitutto, il grillismo è un movimento in grado di intercettare oltre il 65 % del voto giovanile ed oltre (se non erro) il 70 % del voto di protesta e di rabbia, mentre il restante 30 % dovrebbe distribuirsi altrove, oppure esprimersi attraverso il non voto. Inoltre, chi vota per Grillo è un elettorato in gran parte composto da gente delusa dai […] 1

    RADIOGRAFIA DEL GRILLISMO

    Rispetto alla natura ideologica e alla composizione sociale, economica e geografica del movimento grillino, recentemente ho letto (ma ora non ricordo esattamente la fonte giornalistica) alcune cifre che ritengo siano verosimili. Espongo in rapida sintesi tali dati. Anzitutto, il grillismo è un movimento in grado di intercettare oltre il 65 % del voto giovanile ed oltre (se non erro) il 70 % del voto di protesta e di rabbia, mentre il restante 30 % dovrebbe distribuirsi altrove, oppure esprimersi attraverso il non voto. Inoltre, chi vota per Grillo è un elettorato in gran parte composto da gente delusa dai […]

    Continue Reading

  • Pier Luigi Bersani rompe il silenzio e da “vincitore non in grado di governare” decide di fare la prima mossa: butta la palla in avanti. Bersani inizia a leccare il culo a Grillo: “So che fin qui hanno detto ‘tutti a casa’, ora ci sono anche loro, o vanno a casa anche loro o dicono che cosa vogliono fare per questo paese loro e dei loro figli”. Cosa vuole il Pd? Quattro ‘titoli’ li definisce Bersani: “Riforme istituzionali, la riforma della politica e dei suoi costi, la legge sui partiti e una moralità pubblica e privata”. Un mini programma che […] 0

    BERSANI E’ IL PRIMO, MA NON HA VINTO

    Pier Luigi Bersani rompe il silenzio e da “vincitore non in grado di governare” decide di fare la prima mossa: butta la palla in avanti. Bersani inizia a leccare il culo a Grillo: “So che fin qui hanno detto ‘tutti a casa’, ora ci sono anche loro, o vanno a casa anche loro o dicono che cosa vogliono fare per questo paese loro e dei loro figli”. Cosa vuole il Pd? Quattro ‘titoli’ li definisce Bersani: “Riforme istituzionali, la riforma della politica e dei suoi costi, la legge sui partiti e una moralità pubblica e privata”. Un mini programma che […]

    Continue Reading

  • Caro Operai Contro, lavoro in una fabbrica di stampaggio plastica. Ho fatto il 1° turno e tornando a casa ho riflettuto sulle quattro impressioni che ci siamo scambiati in fabbrica, io e i miei compagni di lavoro, riguardo alle elezioni. Dalla mia riflessione ho ricavato che tutti (compresi i due che hanno votato Grillo) siamo piuttosto disorientati al riguardo. Cosa deve succedere perché cambi qualcosa per noi? Ultimamente hai pubblicato un comunicato a firma “Partito Operaio” che invitava a non votare, l’avevo scaricato e fatto vedere in fabbrica ai miei amici. Alcuni di noi non hanno votato. E adesso […] 1

    IN FABBRICA DOPO LE ELEZIONI

    Caro Operai Contro, lavoro in una fabbrica di stampaggio plastica. Ho fatto il 1° turno e tornando a casa ho riflettuto sulle quattro impressioni che ci siamo scambiati in fabbrica, io e i miei compagni di lavoro, riguardo alle elezioni. Dalla mia riflessione ho ricavato che tutti (compresi i due che hanno votato Grillo) siamo piuttosto disorientati al riguardo. Cosa deve succedere perché cambi qualcosa per noi? Ultimamente hai pubblicato un comunicato a firma “Partito Operaio” che invitava a non votare, l’avevo scaricato e fatto vedere in fabbrica ai miei amici. Alcuni di noi non hanno votato. E adesso […]

    Continue Reading

  • Non c’è dubbio il partito di Grillo è il primo partito nel parlamento dei padroni italiani. Il Pd di Bersani, dopo aver leccato il culo a Monti, ora tenta di leccare il culo a Grillo. A noi operai non ce ne frega niente. Noi operai vogliamo: aumento del salario Noi operai vogliamo: il salario garantito ai disoccupati Noi operai vogliamo: l’aumento delle pensioni miserabili Grillo ti aspettiamo Facebook Comments 0

    OPERAI ASPETTIAMO GRILLO

    Non c’è dubbio il partito di Grillo è il primo partito nel parlamento dei padroni italiani. Il Pd di Bersani, dopo aver leccato il culo a Monti, ora tenta di leccare il culo a Grillo. A noi operai non ce ne frega niente. Noi operai vogliamo: aumento del salario Noi operai vogliamo: il salario garantito ai disoccupati Noi operai vogliamo: l’aumento delle pensioni miserabili Grillo ti aspettiamo Facebook Comments

    Continue Reading

  • Il Movimento 5 Stelle, non presente alle elezioni politiche del 2008, è il primo partito d’Italia con 8.688.545 voti alla Camera, e il secondo al Senato con 7.285.648 alle spalle del Partito Democratico. Ma rispetto alle elezioni precedenti, chi ha perso voti per strada (guarda la tabella)? Il Pdl ha subito un’autentica emorragia, passando dai 13.629.464 voti del 2008 a 7.332.121 (alla Camera; al Senato erano 12.511.258 e diventano 6.829.135). Non è un dimezzamento, ma quasi. Si tratta infatti di un -46,2% per quanto riguarda Montecitorio . Si riducono pesantemente anche i voti della Lega Nord, che scivola dal […] 0

    Pd, Pdl, LEGA, UDC, HANNO PERSO

    Il Movimento 5 Stelle, non presente alle elezioni politiche del 2008, è il primo partito d’Italia con 8.688.545 voti alla Camera, e il secondo al Senato con 7.285.648 alle spalle del Partito Democratico. Ma rispetto alle elezioni precedenti, chi ha perso voti per strada (guarda la tabella)? Il Pdl ha subito un’autentica emorragia, passando dai 13.629.464 voti del 2008 a 7.332.121 (alla Camera; al Senato erano 12.511.258 e diventano 6.829.135). Non è un dimezzamento, ma quasi. Si tratta infatti di un -46,2% per quanto riguarda Montecitorio . Si riducono pesantemente anche i voti della Lega Nord, che scivola dal […]

    Continue Reading

  • A spoglio completato, l’Italia che esce dalle urne in queste elezioni politiche 2013 non ha nessuna maggioranza. L’alleanza tra Pd e Sel vince di un soffio alla Camera, il Movimento 5 Stelle diventa il primo partito a Montecitorio e il Senato appare spaccato: il centrosinistra ottiene il 31,63% (Pd al 27,43%) ed è il partito di maggioranza relativa, mentre la coalizione composta da Popolo della Libertà e Lega Nord si ferma al 30,72% (Pdl al 22,30%), il Movimento 5 Stelle al 23,79%, la lista di Mario Monti al 9,13%, Rivoluzione civile all’1,79%, Fare per fermare il declino allo 0,90%. […] 0

    NESSUNA MAGGIORANZA

    A spoglio completato, l’Italia che esce dalle urne in queste elezioni politiche 2013 non ha nessuna maggioranza. L’alleanza tra Pd e Sel vince di un soffio alla Camera, il Movimento 5 Stelle diventa il primo partito a Montecitorio e il Senato appare spaccato: il centrosinistra ottiene il 31,63% (Pd al 27,43%) ed è il partito di maggioranza relativa, mentre la coalizione composta da Popolo della Libertà e Lega Nord si ferma al 30,72% (Pdl al 22,30%), il Movimento 5 Stelle al 23,79%, la lista di Mario Monti al 9,13%, Rivoluzione civile all’1,79%, Fare per fermare il declino allo 0,90%. […]

    Continue Reading

  • Camera, oltre 1,2 milioni di schede bianche e nulle Alla Camera sono state oltre un milione 260 mila le schede bianche o nulle, mentre al Senato sono state circa un milione e 100.000. In particolare, secondo i dati del Viminale, alla Camera le schede bianche sono state 395.286 (1,12% del totale) e quelle nulle 871.780 (2,47%), mentre 1.951 le schede contestate e non assegnate. Al Senato, invece, le schede bianche sono state 369.301 (1,16%), quelle nulle 762.534 (2,40%) e le schede contestate e non assegnate 1.970. Facebook Comments 0

    OLTRE 1,2 MILIONI DI SCHEDE BIANCHE O NULLE

    Camera, oltre 1,2 milioni di schede bianche e nulle Alla Camera sono state oltre un milione 260 mila le schede bianche o nulle, mentre al Senato sono state circa un milione e 100.000. In particolare, secondo i dati del Viminale, alla Camera le schede bianche sono state 395.286 (1,12% del totale) e quelle nulle 871.780 (2,47%), mentre 1.951 le schede contestate e non assegnate. Al Senato, invece, le schede bianche sono state 369.301 (1,16%), quelle nulle 762.534 (2,40%) e le schede contestate e non assegnate 1.970. Facebook Comments

    Continue Reading