TARANTO, PRECARI ILVA A SPASSO

Condividi:

Sembra un paradosso la vicenda degli ex operai interinali che attendono l[k]assunzione dall[k]Ilva,ma e’ la realta’.

La storia risale ad alcuni anni fa.

I precari che hanno lavorato nelle ditte dell[k]appalto Ilva con contratti di somministrazione erano un numero oscillante tra i 600 e i 700, ma l[k]accordo di due anni fa non prevedeva l[k]assunzione immediata per tutti.

FIOM,FIM, UILM vendettero gli operai

L[k]intesa del 2010 prevedeva l[k]assunzione di 120 operai interinali su circa 650. Requisito per l[k]occupazione: aver lavorato per almeno 24 mesi nello stabilimento siderurgico. L[k]accordo siglato dal Gruppo Riva e da Fiom Cgil, Fim Cisl e Uilm stabiliva, in una fase successiva, sulla base delle esigenze aziendali, l[k]assunzione progressiva di tutti gli altri precari.

L[k]accordo, secondo quanto spiegano gli stessi ex operai precari, non sarebbe stato rispettato pienamente perche’ ci sarebbero colleghi ancora in attesa di una chiamata da parte dell[k]Ilva e questo malgrado abbiano maturato il diritto all[k]assunzione in base a un[k]anzianita’ di 26 mesi di servizio, due mesi in piu’ rispetto ai 24 fissati dall[k]intesa Ilva-sindacati.

[k]La situazione e’ difficile. Siamo appesi a una domanda: cosa diamo da mangiare ai nostri figli?[k] spiega Francesco D[k]Andria portavoce degli ex somministrati Ilva. Almeno la meta’ di quello che era il gruppo storico dei precari Ilva, oltre 200 persone, ha nel frattempo trovato un altro lavoro. Molti pero’ sono a casa e il futuro lo vedono assai incerto.

[k]Noi vorremmo sapere quale destino ci attende – aggiunge D[k]Andria – e desideriamo avere certezze[k]. D[k]Andria, insieme ad altri iscritti della Fiom Cgil ha avviato una vertenza di lavoro in base al cosiddetto [k]Collegato lavoro[k] del 2010, il provvedimento legislativo che permetteva, entro il gennaio 2011, di rivolgersi al giudice per far valere il proprio diritto.

Gli ex operai interinali hanno fatto singole cause di lavoro e non hanno potuto optare per un giudizio collettivo. Rivolgendosi al giudice, in tre sono stati assunti dall[k]Ilva. [k]In un momento certamente drammatico – ripete Francesco D[k]Andria – chiediamo celerita’ sulle cause giudiziarie e sulla possibilita’ di essere assunti. All[k]Ilva abbiamo lavorato facendo di tutto. Il futuro? Andando avanti cosi a Taranto moriremo di cancro e di fame[k].

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.