Archive for Settembre 17th, 2012

  • Raid dell’Isaf uccide otto donne, adulte e ragazzine, ultime vittime innocenti della guerra senza quartiere ai talebani. Sullo sfondo l’attentato di due giorni fa alla base di Camp Bastion, dove e’ di stanza il principe Harry, sul quale sono emersi alcuni dettagli e le manifestazioni contro il film anti-islam che oggi hanno portato in piazza a Kabul 1.500 studenti. La giornata di sangue e’ cominciata all’alba con un raid dell’Isaf nella provincia orientale di Langham: almeno sedici persone sono rimaste uccise, tra cui otto donne che si trovavano in un bosco a fare legna. Facebook Comments 0

    GLI ASSASSINI DELL’ISAF

    Raid dell’Isaf uccide otto donne, adulte e ragazzine, ultime vittime innocenti della guerra senza quartiere ai talebani. Sullo sfondo l’attentato di due giorni fa alla base di Camp Bastion, dove e’ di stanza il principe Harry, sul quale sono emersi alcuni dettagli e le manifestazioni contro il film anti-islam che oggi hanno portato in piazza a Kabul 1.500 studenti. La giornata di sangue e’ cominciata all’alba con un raid dell’Isaf nella provincia orientale di Langham: almeno sedici persone sono rimaste uccise, tra cui otto donne che si trovavano in un bosco a fare legna. Facebook Comments

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, continuiamo a morire per produrre profitti per Riva. e’ ricoverato nel reparto grandi ustionati dell[k]ospedale Perrino di Brindisi, l[k]operaio di 20 anni rimasto ferito nella tarda serata di ieri nell[k]Ilva di Taranto. Al termine dell[k]orario di lavoro, il giovane dipendente di un[k]azienda dell[k]indotto che lavora nel reparto Cokeria dello stabilimento siderurgico, e’ caduto in una vasca che conteneve olio combustibile procurandosi ustioni di secondo grado alle gambe e al bacino. Bruno Ferrante, i sindacalisti venduti, lo SLAI-COBAS saranno contenti. Noi operai vogliamo il salario intero fino a quando l’ILVA non sara’ risanata. Non vogliamo produrre […] 0

    ILVA TARANTO, OPERAIO USTIONATO

    Redazione di Operai Contro, continuiamo a morire per produrre profitti per Riva. e’ ricoverato nel reparto grandi ustionati dell[k]ospedale Perrino di Brindisi, l[k]operaio di 20 anni rimasto ferito nella tarda serata di ieri nell[k]Ilva di Taranto. Al termine dell[k]orario di lavoro, il giovane dipendente di un[k]azienda dell[k]indotto che lavora nel reparto Cokeria dello stabilimento siderurgico, e’ caduto in una vasca che conteneve olio combustibile procurandosi ustioni di secondo grado alle gambe e al bacino. Bruno Ferrante, i sindacalisti venduti, lo SLAI-COBAS saranno contenti. Noi operai vogliamo il salario intero fino a quando l’ILVA non sara’ risanata. Non vogliamo produrre […]

    Continue Reading

  • La borghesia occidentale era ormai convinta di aver messo nel sacco la primavera araba. Dietro le proteste contro il film su Maometto, la vera protesta e’ contro la borghesia occidentale e contro la borghesia locale che ha preso il posto dei dittatori. Miseria e disoccupazione sono la realta’ di: Tunisia, Libia, Egitto, Yemen, Turchia, Afghanistan, Iraq, ecc. I giovani arabi hanno imparato a non aver paura della morte. Meglio morire combattendo che essere macellati come pecore Facebook Comments 0

    LA VERA LOTTA E’ CONTRO LA BORGHESIA

    La borghesia occidentale era ormai convinta di aver messo nel sacco la primavera araba. Dietro le proteste contro il film su Maometto, la vera protesta e’ contro la borghesia occidentale e contro la borghesia locale che ha preso il posto dei dittatori. Miseria e disoccupazione sono la realta’ di: Tunisia, Libia, Egitto, Yemen, Turchia, Afghanistan, Iraq, ecc. I giovani arabi hanno imparato a non aver paura della morte. Meglio morire combattendo che essere macellati come pecore Facebook Comments

    Continue Reading

  • Basta con accordi e contratti al ribasso. Egregio Direttore A chiedere nuove stangate per gli operai, sono gli stessi ministri del governo Monti. Fingono stupore e chiedono [k]chiarimenti[k] a Marchionne che disconosce il progetto [k]Fabbrica Italia[k]. Si fingono preoccupati per la sorte degli operai Fiat, inscenano richiami a Marchionne, ma nello stesso tempo si apprestano a presentare un piano per tagliare i salari, aumentare la produttivita’, stravolgere i contratti di lavoro. Il licenziamento facile l’hanno gia’ introdotto e sperimentato. Seppellito da tempo l’adeguamento dei salari al carovita, ora vogliono sopprimere anche il riferimento (previsto dai contratti di lavoro) ad […] 0

    BASTA CON ACCORDI E CONTRATTI AL RIBASSO

    Basta con accordi e contratti al ribasso. Egregio Direttore A chiedere nuove stangate per gli operai, sono gli stessi ministri del governo Monti. Fingono stupore e chiedono [k]chiarimenti[k] a Marchionne che disconosce il progetto [k]Fabbrica Italia[k]. Si fingono preoccupati per la sorte degli operai Fiat, inscenano richiami a Marchionne, ma nello stesso tempo si apprestano a presentare un piano per tagliare i salari, aumentare la produttivita’, stravolgere i contratti di lavoro. Il licenziamento facile l’hanno gia’ introdotto e sperimentato. Seppellito da tempo l’adeguamento dei salari al carovita, ora vogliono sopprimere anche il riferimento (previsto dai contratti di lavoro) ad […]

    Continue Reading