GRECIA, ANCORA TAGLI

Condividi:

I rappresentanti ad Atene di Fmi, Bce e Ue necessitano di ulteriori 11 miliardi e rotti di tagli da parte del governo greco per staccare un altro assegno: ma sulla portata di quei macro tagli si e’ incagliata la sintonia dei tre partiti che formano l[k]anomalo governissimo ellenico (conservatori, socialisti e democratici di sinistra). Fotis Kouvellis, leader della sinistra democratica esclude di dare il proprio assenso a un[k]ulteriore riduzione di pensioni, stipendi, indennita’ e servizi sociali gia’ vessati da un biennio di misure di austerita’ (tutti ridotti gia’ del 20%, con le pensioni minime crollate a 250 euro). Ultima in ordine di tempo la direttiva del premier Samaras di alzare l[k]eta’ pensionabile a 66 anni e di tassare le pensioni sopra i 1.400 euro. Due gli scenari sul tavolo delle contrattazioni. Il primo: riduzione del 3% per le pensioni da 700-1000 euro; del 5% per le pensioni da 1000-1400 euro; del 10% per quelle oltre i 1.400 euro. Il secondo: riduzione del 2% per le pensioni da 700-1000 euro; del 3% per quelle da 1000-1300 euro; del 5% per quelle da 1300-1600 euro; del 10% per le pensioni da 1600-2000 euro e del 15% per quelle oltre i 2.000 euro. Altri pesanti risparmi potrebbero arrivare, come rivelato dalla Reuters, dalla riduzione di 40mila dei 700mila dipendenti pubblici della faraonica macchina burocratica greca. Il tutto senza toccare i grandi patrimoni, come rimprovera il leader dell[k]opposizione Alexis Tsipras, oltre gli stipendi dei manager di Stato, gli euro greci in Svizzera e ritardando ancora le privatizzazioni che il tecnico Lucas Papademos (premier per soli sei mesi) invocava dallo scorso novembre.

oltre 53.000 bambini potrebbero non essere ammessi all[k]asilo nido e nelle scuole materne il prossimo settembre in virtu’ dei tagli gia’ effettuati ai servizi sociali. E confermando i timori delle associazioni di genitori, che negli ultimi giorni hanno scritto al ministero per protestare contro la drastica riduzione. Secondo il presidente dell[k]Unione Regionale dei Comuni di Attica (PECA) Nick Sarantis [k]ancora una volta e in pochi giorni lo strangolamento economico da parte del governo centrale getta il peso della crisi solo ed esclusivamente sulle spalle dei cittadini[k].

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.