BASIANO, SUL CAMPO DOPO LA BATTAGLIA

Condividi:

Sul campo dopo la battaglia

Caro Operai Contro

[k]Te ne devi andare, te ne devi andare[k]. Il coro ha accompagnato la giornalista del Corriere della Sera, prima che cominciasse l’assemblea degli operai, a poche centinaia di metri dal magazzino smistamento merci del [k]Gigante[k] di Basiano, teatro degli scontri in mattinata.
La contestazione a piu’ voci rivolta alla giornalista e poi il coro finale, sono scattati appena e’ stata riconosciuta per l’articolo di suo pugno, pubblicato dal Corriere on line, poche ore dopo la battaglia scatenata dalla polizia contro gli operai in sciopero sui cancelli. Un provocatorio articolo che Operai Contro aveva subito denunciato.
L’assemblea serale ha fatto il punto della situazione, ed il giorno dopo (ieri per chi legge), i numeri collimano con quelli pubblicati dagli organi d’informazione.
Dopo la battaglia sono intervenute 16 autoambulanze, alcune rimaste sul posto fino a mezzogiorno, prestando cure a chi non e’ voluto andare all’ospedale. Un elicottero per i piu’ gravi. Altri 7 mezzi del 118.
Tra i feriti il piu’ grave e’ uscito dal coma, un altro ha superato il blocco respiratorio, mentre e’ confermata la frattura della gambe per due operai, causata da lacrimogeni sparati ad altezza d’uomo.
12 operai finiti in ospedale.
10 operai medicati sul posto hanno rifiutato il ricovero.
6 operai contusi.
18 operai sono stati arrestati e tradotti dagli ospedali al carcere.
1 operaio anch’esso in ospedale, si visto convalidare l’arresto senza alcuna misura cautelativa.
14 carabinieri hanno dichiarato di aver subito ferite, ma per quello che si vede dalle immagini, sembra una montatura.
Devastato l’autobus dei mercenari, semidistrutto da un blindato in manovra. Danneggiata anche un’auto della polizia.
Gli operai del magazzino [k]Gigante[k] di Basiano, hanno deciso seppur ufficiosamente, una manifestazione per sabato a Milano. La conferma dovrebbe arrivare questa sera, e con piu’ precisione anche l’ora, le modalita’ e la zona della citta’. Sosteniamo la loro lotta.
Saluti sostenitori della lotta.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.