Africa occidentale, Mali

Condividi:

Africa occidentale, Mali

Faz 120528

Africa Occidentale [k] In Mali si uniscono i ribelli tuareg e gli islamisti

Thomas Scheen, Johannesburg

– Il movimento radicale islamico, [k]Ansar al Din[k] e i ribelli Tuareg del [k]Movimento nazionale di liberazione dell[k]Azawad[k], l[k]MNLA, hanno annunciato nel Nord Mali la loro unificazione e la istituzione di uno [k]Stato islamico[k] nella regione Azawad, area di insediamento tradizionale dei tuareg del Mali;

o e’ stato creato anche un Consiglio di transizione.

Secondo il politologo Issa Toure’, Assar al Din ha assorbito l[k]MNLA, e non viceversa.
o Ansar al Din e’ in stretto contatto con il gruppo terroristico Aqim, (Al Qada del Maghreb), al quale deve la sua forza; si e’ dotato di armi pesanti dagli arsenali libici, dopo la caduta di Gheddafi.

MNLA e’ invece un movimento laico, interessato solo all[k]indipendenza di Azawad, e senza rivendicazioni di tipo religioso.
– Il Burkina Faso e’ incaricato dall[k]Unione economica e monetaria dell[k]Africa Occidentale, Ecowas, di aprire i negoziati con i ribelli del Nord del Mali;

– anche l[k]Algeria e’ per una soluzione negoziale.

Aqim sembra sia riuscito a saccheggiare l[k]arsenale sotterraneo di Gao delle forze armate regolari del Mali, e sarebbe ora meglio armato delle forze armate riunite di Mali e Burkina Faso.

—————-

Africa Occidentale, Mozambico, Portogallo

Faz 120522

Mozambico [k] Il ritorno dei signori colonialisti

Thomas Scheen, Maputo

Dalla crisi del debito (disoccupazione al 15% a febbraio 2012, al 37% quella giovanile), mentre si e’ arrestato il flusso di emigrazione dalle ex colonie portoghesi, Angola e Mozambico, verso il Portogallo, sarebbero 120 000 i portoghesi emigrati in cerca di lavoro in Mozambico; emigrano portoghesi anche verso l[k]Angola, e il Brasile.

o l[k]economia del Mozambico oggi ha una crescita annuale media del 6%; previsto +11% per quest[k]anno.

– La moneta locale, il Metical, si e’ rivalutata nel 2011 del 19% sul dollaro; l[k]inflazione e’ scesa dal 16,5 all[k]8%;

– il paese si e’ aperto agli investimenti nell[k]industria agraria; dispone di carbone, legname, bauxite, oro, diamanti.

– La crescita non si e’ pero’ ancora tradotta in molti nuovi posti di lavoro.

– Oltre il 50% della popolazione vive in forte poverta’; l[k]aspettativa media di vita e’ sui 48 anni.

Dall[k]agenzia Reuters, secondo l[k]ambasciata del Brasile a Lisbona, i portoghesi con permesso di lavoro brasiliano sarebbero saliti dai 52 000 ai 328 000, da meta’ 2011 ad oggi.

I portoghesi emigrati in Angola, grazie al boom dell[k]industria petrolifera, sarebbero moltiplicati per 4, a 100 000.

– Si verifica in Mozambico un fenomeno inedito per i cittadini dell[k]ex potenza coloniale: portoghesi migranti per lavoro [k]sans papier[k]; di recente 5 portoghesi sono stati espulsi perche’ senza visto valido.

– I nativi temono la concorrenza nel mercato del lavoro degli immigrati portoghesi, con una buona formazione; per legge una societa’ puo’ assumere al max il 10% di stranieri della forza lavoro complessiva.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.