LA CATASTROFE GRECA

Condividi:

Con l[k]invito a spegnere la televisione e lasciar spazio all[k]informazione alternativa, il documentario greco Catastroika sale in rete e tratta delle privatizzazioni cui la Grecia sara’ sottoposta nel futuro immediato.
I giornalisti Katerina Kitidi e Aris Chatzistefanou, sotto la supervisione scientifica dell[k]economista Leonidas Vatikiotis, sono forti della precedente esperienza di Debtocracy che, un anno fa, racconto’ a piu’ di un milione di spettatori in tutto il mondo, come le [k]cure[k] adottate per affrontare la crisi del debito sovrano della Grecia avrebbero portato, precise come un teorema pitagorico, alle conseguenze sociali e politiche odierne.

Il termine [k]catastroika[k] fu usato per indicare gli effetti sulla societa’ russa delle privatizzazioni; eppure, l[k]uso della parola ha una valenza particolare per la Grecia governata dalla troika di Fmi, Bce e Ue. E come tutti i beni pubblici della Ddr furono svenduti al momento dell[k]unificazione con la Germania, sotto la direzione della famigerata Treuhand (1990-1994), cosi anche in Grecia opera, dal giugno del 2011, la societa’ per azioni [k]Cassa per la valorizzazione della proprieta’ privata dello Stato[k] (Taipd). Questa ha lo scopo di privatizzare beni servizi, beni mobili ed immobili, fra cui l[k]acqua e l[k]energia.

Non sono, pero’, solo le esperienze di [k]privatizzazione totale[k] russa o tedesca, ma anche quelle di [k]privatizzazione parziale[k] inglese, italiana e californiana a costituire lo scenario di quello che succedera’ alla Grecia nei prossimi mesi.

La produzione si e’ affidata, come per l[k]esperienza precedente di Dobtocracy sul crowdsourcing, un metodo che garantisce l[k]indipendenza del giornalista ma anche la libera distribuzione dei risultati dell[k]inchiesta.
[a]http://www.catastroika.com/indexen.php[/a]

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.