La marcia dei cinquecento sotto la bandiera della Fiom

Condividi:

Il resto del carlino

La marcia dei cinquecento sotto la bandiera della Fiom
“Un miracolo per il Polesine”
Tanti sono stati gli operai metalmeccanici che oggi hanno risposto all’appello della Fiom (e della Uilm) e si sono ritrovati alla rotonda di viale del Lavoro per dire no alla riforma del governo Monti

di Milena Furini

Share on emailClicca due volte su qualsiasi
parola di questo articolo per
visualizzare una sua definizione
tratta dai dizionari Zanichelli Share on print
Lo sciopero a Rovigo (Donzelli)Rovigo, 27 aprile 2012 – La protesta di pochi lavoratori e’ diventata la marcia dei cinquecento. Tanti sono stati gli operai metalmeccanici che oggi hanno risposto all’appello della Fiom (e della Uilm) e si sono ritrovati alla rotonda di viale del Lavoro per dire no alla riforma del governo Monti e all’indebolimento dell’articolo 18 delo statuto dei lavoratori. [k]Un vero miracolo per il Polesine [k] e’ stato il commento entusiasta di Paolo Zanini, segretario provinciale della Fiom-Cgil [k] abbiamo organizzato questa giornata con pochi delegati e ci aspettavamo un centinaio di persone[k].

Lavoratori da tutta la provincia hanno partecipato alla manifestazione, c’erano rappresentanti di Agritalia, Sicc, Solmec, Infun For, Zanussi, Tmb di Ceregnano, Acciaierie di Badia e Irsap di Arqua’, tanto per citare le principali.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.