FERRARI E FIAT; LA CACCIA ALLE STREGHE

Condividi:

FERRARI E FIAT; LA CACCIA ALLE STREGHE

Continua il clima da caccia alle streghe in Fiat. Nel bel mezzo delle elezioni Rsa fasulle negli stabilimenti modenesi, e della battaglia sull’art 18 che vogliono cancellare per far quello che vogliono con la vita degli operai, puntuali come un orologio svizzero, la direzione Ferrari ha contestato un provvedimento disciplinare
all’operaio 3[k] livello metalmeccanico (delegato rsu Fiom) Adorni Michele il 23 marzo 2012.
Si e’ arrivati a sospenderlo per 2 giorni (2[k] volta) , perche’ non avrebbe timbrato come autocertificazione la produzione effettuata, si da’ il caso che compito dell’operaio 3[k] livello e’ produrre e non timbrare (ci son fior di preposti lautamente pagati per quello), e’ evidente la manovra intimidatoria che la direzione della Ferrari sta’ applicando non solo al compagno Michele, ma su tutti gli operai. Non basta alla Fiat scegliersi i delegati compiacenti con rsa false, vuole l’ obbedienza totale e completa degli operai. Intanto alla Fiat cnh L’operaio-reintegrato Ficiara’ Francesco e’ tenuto ancora fuori dalla fabbrica, la Fiat sta’ facendosi beffa della sentenza, inoltre sono circolate voci in fabbrica ad hoc tra i reparti di una trattativa per Liquidare l’operaio con qualche decina di migliaia di euro, cosa totalmente falsa, l’operaio continua a chiedere il reintegro e nessun compromesso e’ stato fatto.

Ci soffermiamo su questi 2 casi emblematici, non solo perche’ intimamente connessi come tutte le lotte nelle fabbriche della zona, ma perche’ dimostrano quanto lo sfruttamento Fiat e il terrore intimidatorio sia giunto in profondita’ ovunque,dal sud a nord, da est a ovest, ed e’ ora di una risposta complessiva degli operai.
Operai e’ ora di difendere apertamente i nostri compagni colpiti, non si puo’ piu’continuare a sopportare questa situazione con la testa sotto la sabbia o aspettando scioperi rarefatti e telefonati, bisogna che a tutti i livelli facciamo sentire la nostra voce di sdegno.

A tal proposito Venerdi’ 4 Maggio a Modena allo spazio sociale Libera v. del tirassegno 7 ore 20.30 ( a 100 metri dalla Fiat cnh) ci sara’; UN INIZIATIVA DI SOLIDARIETA’ CON DIBATTITO E CENA SOCIALE DI AUTOFINANZIAMENTO PER I COMPAGNI DI LAVORO COLPITI. SIETE INVITATI TUTTI.

SOLO DIFENDENDO I NOSTRI COMPAGNI E COLLEGHI PIU’ COMBATTIVI POSSIAMO RISALIRE LA CHINA NELLA LOTTA MAI INTERROTTA CONTRO LO SFRUTTAMENTO E L’OPPRESSIONE DEI PADRONI, CI DOBBIAMO ORGANIZZARE ADEGUATAMENTE LA’ DOVE SI MANIFESTA PIU’ DURAMENTE LA STRATEGIA DEI PADRONI PER MANTENERCI SCHIAVI; NON E’ PIU’ IL TEMPO DELL’INDIFFERENZA O DEL TANTO TOCCA A POCHI, LA NOSTRA EMANCIPAZIONE DIPENDERA’ DALLE TANTE PICCOLE AZIONI QUOTIDIANE CHE CI CARATTERIZZANO COME CLASSE COLLETTIVA E NON COME INDIVIDUI DIVISI, TENUTI
DEBOLI E SEPARATI DAL PADRONE.

IL PADRONE FA’ I SUOI AFFARI
INZIAMO NOI A TRATTARE I NOSTRI

PER METTERE, CONTEMPORANEAMENTE SU BASI PIU’ SOLIDE TUTTE LE NOSTRE LOTTE
PER AVANZARE SULLA STRADA DELLA NOSTRA DEFINITIVA LIBERAZIONE
DAL SISTEMA DEL LAVORO SALARIATO E DEL PROFITTO.

UN GRUPPO DI OPERAI FIAT E FERRARI

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.