CINA PROTESTE

Condividi:

Cina, proteste

Le Figaro 120307

Pe’chino privilegia la sicurezza interna

Julie Desne’

● Il governo cinese e’ preoccupato per l[k]aumento di 10 volte delle proteste popolari in 7 anni:

o nel 1993-2010 sono passate da 8 700 a 90 000,

o cioe’ oltre 246 rivolte al giorno.

– Il ministero Finanze ha dciso l[k]aumento dell[k]11,5% del bilancio sicurezza interna, [k]85MD per polizia servizi di sicurezza e carceri, un bilancio maggiore di quello della Difesa.

– Il primo ministro Wen Jiabao: impedire che problemi isolati diventino un grosso problema.

Il governo si e’ impegnato a combattere le espropriazioni abusive, causa principale delle rivolte popolari.
————
Wsws 111220

La protesta della citta’ cinese conquista ampio appoggio

John Chan

– I 20 000 abitanti di Wukan, contea di Lufeng nella provincia del Guandong, sono divenuti il simbolo nazionale di restistenza al regime cinese e agli interessi economici dietro di esso, a seguito della pesante repressione delle proteste di migliaia di contadini

o contro la vendita di terreni agricoli collettivi a imprenditori privati.

– Le proteste hanno avuto l[k]appoggio di una parte della classe operaia; una piccola dimostrazione di solidarieta’ con i contadini nella capitale della provincia e’ stata repressa dalla polizia;

– Il governo cinese teme che le proteste scatenino piu’ ampie manifestazioni contro il governo, anche nei centri manifatturieri della provincia, teme si ripetano proteste come quella di piazza Tienanmen del 1989.

A settembre 2011, violente proteste contro il comitato locale del PCC che aveva venduto la maggior parte dei terreni comuni ad un grande allevamento di maiali, Lufeng Fengtian Livestock, di proprieta’ di un ex vice-presidente del governo locale, che poi ha venduto i terreni ad un grosso gruppo dell[k]edilizia, il Country Garden.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.