I SINDACALISTI A PRANZO CON MONTI

Condividi:

Il governo convoca i sindacati il 23 gennaio
Cgil-Cisl-Uil: [k]Governo cambi politica economica. Subito un confronto sul lavoro[k]

I leader confederali (da sinistra) Angeletti, Bonanni e Camusso
MILANO – [k]Non c’e’ una soluzione alla crescita che non guardi all’occupazione, ma non c’e’ una risposta alla crescita che guardi solo alla riforma del mercato del lavoro[k], cosi Susanna Camusso ha spiegato il senso del documento comune di Cgil, Cisl e Uil su lavoro, crescita, equita’ sociale e fiscale, da presentare al governo. Una piattaforma comune di proposte su lavoro, previdenza e liberalizzazioni. La [k]gravita’ della crisi[k] e le [k]conseguenze su famiglie, giovani, lavoratori e pensionati impongono un cambiamento della politica economica del governo[k], affermano nel documento i primi tre sindacati italiani.

SIAMO IN RECESSIONE, SERVE UN PIANO – [k]Dopo tre anni di crisi, e con la prospettiva di un 2012 di recessione[k], per Cgil, Cisl e Uil, [k]e’ necessario un piano organico per dare sostegno all’ occupazione[k]. Servono [k]in particolare[k] strumenti [k]rivolti ai giovani, alle donne, agli over 50 e al reimpiego dei lavoratori in cassa integrazione e ai disoccupati, valorizzando con le necessarie correzioni gli istituti esistenti che promuovono e incentivano il lavoro stabile[k]. Vanno assicurate [k]le risorse per gli ammortizzatori sociali in deroga anche nel 2012[k], per poi arrivare successivamente [k]a un riordino del sistema[k].

LA CONVOCAZIONE – Intanto il governo ha convocato le parti sociali per lunedi 23 alle 10. La convocazione e’ firmata da Antonio Catricala’ e riguarda i temi del lavoro e della crescita. Lo riferiscono fonti sindacali.

Redazione Online

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.