SACCONI: IN ITALIA TROPPI SCIOPERI UNA NORMA PER RIDURLI

Condividi:

Sacconi: troppi scioperi, una norma per ridurli

In Italia si fanno troppi scioperi, bisogna trovare una norma per ridurli. A parlare non e’ Confindustria, non e’ Federmeccanica. e’ invece il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, colui che deve mediare fra sindacati e imprese e che fa capire in modo inequivocabile da che parte sta.

Dopo l’idea di combattere le morti bianche sburocrattizzando il testo unico di Damiano a favore delle imprese, ne spara un’altra.

Ad un convegno organizzato dalla Cisl e dal “Riformista” annuncia che sta studiando una normativa che riduca gli scioperi, trasformando l’Autorita’ di garanzia degli scioperi (molto spesso criticata dai sindacati per l’eccessiva ristrettezza nel concedere il diritto costituzionale a scioperare) in una sorta di [k]autorita’ per il lavoro[k].

Serve, spiega, [k]una convocazione piu’ responsabile dello sciopero[k] perche’ [k]in Italia occorre ridurre questa propensione, sperando che le parti si diano delle regole per cui non siano minoranze esigue a creare interruzioni in dispregio delle regole[k].

Sacconi spera che [k]le parti sociali ne parlino e magari ci sollecitino uno strumento che dovrebbe essere rivolto a relazioni industriali piu’ consapevoli della rappresentativita’ dei diversi attori e che lasciano il conflitto all’ultima ratio nei loro rapporti[k].

Poi arriva il contentino. e’ giunta l’ora che [k]i lavoratori partecipino non solo ai profili negativi del rischio d’impresa ma anche a quelli positivi[k], ossia gli utili. [k]Noi- ricorda- abbiamo compiuto l’atto fondamentale che e’ stato quello di detassare i premi e gli incentivi perche’ questa e’ la premessa per la partecipazione dei lavoratori agli utili delle imprese[k].

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.