I FUNZIONARI DELLA FAO SFAMANO SE STESSI

Condividi:

da peacereporter.net

La Fao deve chiudere
Mezzo milione di dollari al giorno. Per mantenere funzionari Onu

La Fao, per dirla con le parole del presidente del Senegal Abdoulaya Wade, deve chiudere. Per il semplice motivo che la Fao e’ uno scandalo, uno degli esempi del come non si deve fare cooperazione.
La Fao denuncia, grida, urla che il mondo e’ alla fame, che la crisi e’ gravissima. Che altri milioni di persone si stanno sommando ai milioni che gia’ oggi soffrono la fame.
Bene. E la Fao cosa fa? Spendera’ 784 milioni di dollari per affrontare il problema nei prossimi due anni.
Cioe’ un milione di dollari al giorno.

Come li spende? Una commissione di economisti guidata da Leif Christoffersen e voluta dalla stessa Onu, ha accertato che almeno la meta’ di questi soldi, cioe’ un milione di dollari ogni due giorni, e’ spesa per mantenere la struttura burocratica di questo colosso delle Nazioni Unite. “In molti uffici – dice la commissione – i costi amministrativi sono superiori ai costi del programma”.
Oggi il Giornale, per la penna di Emanuela Fontana, ci spiega che la parola food, cibo, compare solo tre volte nel bilacio, per un totale di 90 milioni di euro su quasi ottocento. Duecento milioni di euro se ne vanno solo per le spese necessarie a “riunire” i dipendenti.
Deve chiudere anche perche’ ci sono altre agenzie dell’Onu che si occupano degli stessi temi: il Fondo Internazionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura (435,7 milioni di dollari), il World Food Programme (cinque miliardi di dollari), il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (4 miliardi e 440 milioni di dollari). Un totale di circa dieci miliardi di dollari all’anno spesi dalle Nazioni Unite per risolvere il problema della fame nel mondo. O girando la frase secondo le indicazioni della stessa commissione Onu, 27 milioni di dollari spesi ogni giorno per mantenere le strutture. E quindi anche la fame nel mondo, che a quanto pare e’ un bel business per i “funzionari della cooperazione”.
Maso Notarianni

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.