CREMASCHI HA PAURA

Condividi:

SINTESI DELL[k]INTERVENTO DI GIORGIO CREMASCHI AL COMITATO DELLA CGIL DEL 29/04

Care compagne e cari compagni,

visto il breve tempo a disposizione voglio subito chiarire che chiedo il congresso anticipato della Cgil come condizione per affrontare, senza ulteriori disastri e rotture, la difficilissima e nuovissima situazione che abbiamo davanti.

[k]Non possiamo negare la realta’: anche la Cgil ha perso le elezioni. E questo prima di tutto perche’ la Cgil con il congresso aveva investito tutto sul patto di legislatura con il Governo Prodi. Era la scelta sindacale di fondo dell[k]organizzazione ed e’ stata travolta dalla realta’. In secondo luogo e’ chiaro agli occhi di ogni lavoratore che la Cgil in questi anni e’ stato il sindacato piu’ vicino al Governo e allo schieramento che lo appoggiava. Le disastrose elezioni per le Rsu della Pirelli, che nel passato avrebbero provocato una discussione a fondo nell[k]organizzazione, sono il segnale preciso che nessuno qui puo’ pensare che la sconfitta del centro-sinistra non lo riguardi. Infine e’ chiaro che la situazione e’ completamente cambiata e richiede una nuova piattaforma sindacale, un nuovo mandato per i gruppi dirigenti. Il congresso di due anni fa e’ morto, nulla di quello che li si e’ discusso e’ ancora in piedi e tenerlo in vita serve solo per gli equilibri interni agli apparati.[k]

[k]Sono pero’ consapevole che non si fara’ nessun congresso, ma si cambiera’ la linea e la cultura dell[k]organizzazione senza dichiararlo, sulla base delle emergenze. Sento chi dice che a questo punto non possiamo piu’ permetterci di reggere una nostra posizione sul sistema contrattuale e, vista la sconfitta elettorale degli altri, dobbiamo accettare quello che passa il convento. Non fingiamo tra di noi, sappiamo tutti che al centro dell[k]attacco c[k]e’ il Contratto nazionale. Per la Cgil accettare il ridimensionamento del Contratto nazionale sull[k]onda della paura dell[k]isolamento dopo la sconfitta elettorale, significherebbe trasformare questa sconfitta in disfatta[k].

[k]Non bisogna cedere proprio ora e bisogna domandarci perche’ l[k]attacco alla casta sindacale, avviene proprio oggi, e non certo partendo dai giornali della destra, ma dai due piu’ importanti giornali e gruppi editoriali vicini al partito democratico[k].

[k]Sarebbe necessario respingere questo attacco con piu’ democrazia e trasparenza nella vita sindacale e tornando fino in fondo a fare il nostro mestiere a difesa dei diritti dei lavoratori. Pensare di salvarsi offrendo in sacrificio il Contratto nazionale e’ un atto suicida. Non vorrei che a forza di inseguire le sirene del partito democratico la Cgil finisse come la sinistra Arcobaleno[k].

Giorgio Cremaschi

Roma, 30 aprile 2008

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.