I BRAVI SOLDATI ITALIANI

Condividi:

DA PEACEREPORTER.IT

Afghanistan – 22.4.2008
Italiani brava gente
Intervista a Luciano Violante, dopo il suo viaggio in Afghanistan

Su La Stampa di ieri e’ uscito un reportage dall[k]Afghanistan, scritto da Luciano Violante.
L[k]ex magistrato ed ex presidente della Camera, esponente di spicco dei Ds e oggi del Pd (non ricandidatosi alle ultime elezioni), scrive: [k]In Afghanistan, noi italiani garantiamo sicurezza, distribuiamo viveri e attrezzature, curiamo le persone, i nostri veterinari curano le bestie ammalate ([k]). Noi non abbiamo bombardato. ([k]) Forse e’ cosi che si esporta la democrazia[k].
O forse no. Soprattutto se queste attivita’ umanitarie militari [k] tutt[k]altro che disinteressate, in quanto usate come [k]armi psicologiche[k] per ottenere la collaborazione della popolazione locale [k] si accompagnano a operazioni belliche, non solo difensive, cui le forze italiane partecipano da oltre un anno e mezzo. Con gli inevitabili [k]danni collaterali[k] che ne conseguono.

Dottor Violante, nel suo reportage non si fa cenno alla partecipazione delle nostre truppe a operazioni di guerra.
Io ho scritto quel che ho visto. E non ho visto operazioni di guerra, ne’ ne ho sentito parlare ai briefing militari cui ho avuto modo di assistere.

Certo, ma scrivere considerazioni generali sulla nostra missione militare senza parlare dei nostri soldati impegnati a fare la guerra non le pare scorretto?
Noi non siamo in Afghanistan per fare la guerra: quella la fanno gli americani di Enduring Freedom. La missione Isaf, di cui noi facciamo parte, ha lo scopo di offrire assistenza e sicurezza alla popolazione. Certo, se un nostro convoglio militare viene attaccato, i nostri soldati rispondono al fuoco.

Ma dall[k]estate 2006 anche la missione Isaf a guida Nato e’ impegnata nella guerra ai talebani, esattamente come Enduring Freedom. Dal 2006 le nostre forze speciali impegnate nell[k]operazione [k]Sarissa[k] e la nostra Forza di reazione rapida dotata di carri cingolati ed elicotteri da guerra hanno partecipato a molti combattimenti, anche vere e proprie offensive, non solo azioni difensive.
Io non ho visto niente del genere, e non ne ho sentito nemmeno parlare dai nostri militari. E[k] ovvio che collaboriamo con gli alleati nel contrastare i talebani, ma lo facciamo nel rispetto delle regole d[k]ingaggio. Noi italiani non bombardiamo!

Ma siamo a pieno titolo parte di una missione che lo fa: le forze Nato bombardano villaggi e fanno stragi di civili. E anche le forze italiane sono state coinvolte in azioni che hanno causato vittime civili: all[k]inizio di febbraio, le autorita’ locali afgane hanno denunciato un raid condotto da truppe italiane che avrebbe causato una decina di vittime civili.
Di questo non so nulla, a me non risulta. Noi italiani non facciamo la guerra. Noi costruiamo scuole, ospedali e altre strutture utili alla popolazione. Lo ho visto a Kabul, l[k]ho visto a Herat. E[k] cosi che combattiamo contro i talebani, che invece le scuole le distruggono: guadagnandoci la fiducia della popolazione.

Numerose Ong internazionali, recentemente l[k]Oxfam, hanno denunciato un uso ‘militare’ degli aiuti alla popolazione, usati come moneta di scambio per ottenere informazioni sul nemico, per ricattare le comunita’ locali: aiuti solo a chi collabora.
Questo potrebbe essere accaduto, ma non agli italiani, il cui operato e’ estremamente apprezzato dalle popolazioni locali. Portare dalla propria parte la gente aiutandola mi pare un obiettivo piu’ che legittimo.

Nel suo articolo scrive che la Nato fa bene a chiedere piu’ truppe. Quindi per lei la strategia attuale e’ quella giusta per risolvere il conflitto afgano?
Piu’ truppe sono necessarie per garantire la sicurezza in un territorio cosi vasto. I talebani vanno combattuti e sconfitti. Non ci sono alternative, se non quelle di consegnare il Paese nelle loro mani. E questo, come ho scritto, sarebbe un pericolo per tutta la regione e per tutto l[k]Occidente, Italia compresa.
Enrico Piovesana

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.