PASQUA DI SANGUE IN IRAQ E AFGANISTAN

Condividi:

KABUL – Oltre 40 combattenti legati ai taleban sono stati uccisi in una operazione congiunta delle forze afghane e della Nato nel sud dell’Afghanistan. Lo ha annunciato il ministero della Difesa a Kabul definendo “terroristi” i combattenti, e senza precisare il numero esatto delle vittime e il luogo dell’operazione. L’esplosione di una bomba collocata ai bordi di una strada ha invece ucciso due soldati della coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti nella provincia meridionale di Kandahar. Lo rende noto un comunicato militare. “Le forze della coalizione internazionale, insieme alle forze di sicurezza afghane, stavano pattugliando la zona quando il loro veicolo ha fatto esplodere una mina collocata su una strada molto trafficata”ha precisato il comunicato. I ribelli taleban hanno piazzato centinaia di ordigni ai lati di strade nel 2007, un anno che detiene il record della violenza: oltre 6 mila le persone uccise, delle quali 2000 erano civili.

IRAQ: QUASI SESSANTA MORTI IN DOMENICA DI SANGUE
Una sessantina di persone sono rimaste uccise in Iraq in una domenica di violenze concentrate soprattutto a Baghdad e a Mossul, nell’estremo nord del paese. Nella capitale, dove i morti sono stati in totale piu’ di 20, razzi Katiuscia e proiettili di mortaio sono stati sparati contro la Zona Verde, il quartiere blindato dove hanno sede ministeri e il comando americano. Secondo la polizia, almeno nove civili sono morti e diverse decine feriti. Nel quartiere meridionale di Zaafariniya altre sette civili sono stati uccisi e 16 feriti quando da tre auto in corsa sono partite raffiche di armi automatiche contro i passanti. Nel quartiere sciita di Shula, nel nord-est della citta’, altre sei persone hanno perso la vita quando un kamikaze si e’ fatto saltare in aria a un distributore. Anche Mossul, situata a quasi 400 chilometri da Baghdad, e’ stata presa di mira dai miliziani. Un attentatore suicida alla guida di un camion-bomba si e’ fatto saltare in aria uccidendo 13 militari e ferendo altre 42 persone, tra cui alcuni civili. Un altro soldato iracheno e’ rimasto ucciso in un attacco kamikaze contro un posto di blocco. Vittime a catena anche il altre localita’ dell’Iraq. Nella zona di Kirkuk, la ‘capitale petrolifera’ del nord dell’Iraq, una bomba collocata sul lato di una strada ha ucciso altri quattro militari iracheni. Nella provincia di Diyala, un commando ha assassinato il colonnello Akram Awad al-Omairi, capo della Forza di reazione rapida di Balad Ruz, cittadina a nord est-di Baghdad. Nella stessa zona, nel corso di una operazione contro gli insorti, le forze Usa hanno reso noto di avere ucciso almeno 12 miliziani. A Baquba, citta’ del cosiddetto triangolo sunnita, un ufficiale della polizia e due agenti sono stati uccisi da uomini armati.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.