I POLITICI BORGHESI SONO DEI CRIMINALI

Condividi:

DAL BLOG DI GRILLO
Nerone Prodi ha deciso che SETTEMILIONIDITONNELLATE di [k]ecoballe[k] devono essere bruciate nel termodistruttore di Acerra. Nessuno sa con certezza cosa c[k]e’ nelle [k]ecoballe[k]. Sono state sigillate senza verificare il contenuto. Possono contenere qualunque cosa. Rifiuti tossici, medicinali scaduti, scorie radioattive. Bruciarle vuol dire accelerare la condanna a morte delle persone che vivono nel territorio di Acerra e in quelli vicini. Infatti, la zona e’ gia’ chiamata [k]Triangolo della morte[k] per la diffusione dei tumori. Morto in piu’, morto in meno che differenza fa? E[k] un calcolo politico e anche economico. Se i campani non si lamentano muoiono e se muoiono non si lamentano piu’. Si scrive Nerone Prodi si legge Impregilo. Le donne di Giugliano si danno fuoco per disperazione e il vicere’ Bassolino e’ ancora li.
Pubblico una lettera di Alex Zanotelli.

La termodistruzione dei diritti fondamentali.
[k]E[k] con orrore che apprendiamo della decisione del Presidente del Consiglio Romano Prodi sulle ecoballe della Campania: almeno 7 milioni di tonnellate (che di eco non hanno nulla, ma sono solo rifiuti tal quali), accatastate in buona parte a Giugliano. Si tratta dell[k]ordinanza n. 3657 del 20 febbraio 2008: [k]Disposizioni urgenti per fronteggiare l[k]emergenza nel settore dei rifiuti nella regione Campania[k]. La disposizione che lascia piu’ stupefatti e’ quella contenuta nell[k]art.4 : [k]Per accelerare le iniziative finalizzate al superamento dello stato di emergenza, in particolare per consentire la messa in esercizio in tempi rapidi dell[k]impianto di termodistruzione di Acerra e’ autorizzato il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti contraddistinti dai codici Cer 191212 ,190501 e 190503 (rispettivamente le ecoballe campane, la frazione organica non stabilizzata, ossia l[k]ex fos, e il compost fuori specifica) presso detto impianto, assicurando comunque il rispetto dei livelli delle emissioni inquinanti gia’ fissati nel provvedimento di autorizzazione. Cio’ vuol dire che le ecoballe di rifiuti prodotti dai Cdr campani , che non rispondono ai requisiti richiesti dalla normativa, potranno essere bruciate nell[k]inceneritore di Acerra.(Una realta’, questa di Acerra, che per la prima volta il governo chiama TERMODISTRUZIONE!)
Questa decisione , che e’ contraria al diritto comunitario e alla giurisprudenza ordinaria e contabile, e’ di una gravita’ estrema.
Come mai, a governo scaduto, Prodi emana questa nefasta ordinanza a breve distanza da un[k]altra altrettanto grave che reintroduceva, in barba alle decisioni del Parlamento, il CIP/6 per i tre nuovi inceneritori della Campania?
E[k] evidente che alla base di tale provvedimento vi siano logiche finanziarie e contrattuali, perche’ consentira’ agli aspiranti gestori dell[k]impianto di Acerra di tenere in piedi la tariffa, rendendo piu’ appetibile la partecipazione alla gara. Dal punto di vista finanziario, l[k]impianto di Acerra si sosterra’, oltre che con i contributi CIP/6, con i rifiuti semplicemente triturati, compattati, selezionati, piuttosto che con Cdr di qualita’ o con Cdr semplici. L[k]obiettivo sara’ quello di non fare andare deserta la gara, triturando cosi i diritti dei cittadini, andando a minare il bene sacro dell[k]umanita’: la vita stessa.
Questa ordinanza che permetterebbe all[k]inceneritore di Acerra di bruciare rifiuti tal quali in un territorio, che e’ gia’ chiamato il Triangolo della morte, e’ un crimine contro l[k]umanita’ perche’ comprometterebbe la salute dei cittadini, gia’ gravemente minata. A questa logica del profitto noi diciamo no, perche’ antepone gli interessi di POCHI alla salute di tutti.
Chiediamo che questa ordinanza venga immediatamente ritirata. Siamo pronti ad impugnarla davanti alle corti europee e nazionali.
In questo momento di campagna elettorale, chiediamo a tutti i candidati premier di esprimersi su questa ordinanza di vitale importanza. E[k] questione di vita o di morte per tutti.[k] Alex Zanotelli, Gerardo Marotta, Alberto Lucarelli, Guido Donadone, Raffaele Raimondi, Ugo Mattei

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.