I SOGNI DELLA PICCOLA BORGHESIA

Condividi:

E’ triste toccare con mano la realta’ misera, risultante, delsettarismo piccolo borgnese dei gruppi della sinistra comunista.

Questi gruppi che per anni hanno convissuto all’interno del PRC, e che insieme rappresentavano la maggioranza militante all’interno di quelpartito, adesso che finalmente si era presentata la possibilita’ di mettere a frutto l’esperienza militante accumulata per anni, per bocca dei”Capi” ci dicono, invece, di concorrere al prossimo appuntamento elettorale in ordine sparso, alla stessa stregua di un pulviscolo informe. Ancora una volta si perde l’attimo che puo’ condurre alla nascita di un partito comunista finalmente rifondato. Ai lavoratori non servono conventicole elitarie che propinano sermoni ne scimmie urlatrici che si contendono un territorio recintato costruendo altri, piu piccoli, recinti.

Ai lavoratori serve un partito ed un programma rivoluzionario con cui sostenere ogni singolo militante comunista e a cui ogni singolo militante da il suo contributo insostituibile. Cio’ che serve ai lavoratori e’ un partito dei lavoratori per i lavoratori, ovvero un Partito Comunista.

Credo che questa fase che stiamo vivendo doveva e poteva rappresentare il punto di partenza di un nuovo e pur tuttavia cosi vecchio partito comunista in Italia, cioe’ il Partito Comunista, finalmemte, Rifondato. Credo che in questa fase si avevano buone possibilita’ di fondare il partito dei lavoratori per i lavoratori che potesse concorrere alla prossima campagna elettorale sotto un unico simbolo, cioe’ la falce ed il martello.

Il partito che si doveva fondare poteva raccogliere i militanti e gli attuali dirigenti delle aree che vanno dall’Ernesto e che passano attraverso Sinistra Critica, Falce e Martello, Coordinamento per l’Unita’ dei Comunisti, Partito Comunista dei Lavoratori e Partito d’Alternativa Comunista.

Il partito di cui c’e’ bisogno e’ quel partito che esca fuori dalla logica di frazione per farci apprezzare la ricchezza della logica di tendenza, per farci apprezzare il valore del centralismo democratico, su cui ogni partito comunista dovrebbe fondarsi. C’e’ bisogno d’un partito che della societa’ socialista ne fa un fine irrinunciabile, e della dialettica interna un mezzo per raggiungere quel fine. C’e’ bisogno d’un partito che in questa societa’ si colloca all’opposizione di qualunque governo che comprenda rappresentanti della classe dominante ( Borghesia). C’e’ bisogno d’un partito che dia un programma, un’organizzazione, una strategia, una direzione, un esempio, una possibilita’ e una forma di lotta alla voglia di emancipazione dei lavoratori italiani. Il partito di cui c’e’ bisogno e quel partito che partendo dai bisogni immediati della classe che intende rappresentare (lavoratori e ceti popolari) elabori una teoria ed applichi una pratica che nell’emancipare la classe dai bisogni immediati allo stesso tempo la unifichi negli intendimenti permanenti della classe stessa, ovvero la conquista del potere politico da parte dei lavoratori per i lavoratori.

Mi rendo conto che qualche pulsione proprietaria possa prendere il sopravvento sugli interessi permanenti della classe operaia, ma questa pulsione non si deve trasformare in settarismo. L’istinto piccolo borghese di volersi conservare a tutti i costi dirigenti non e’ negl’interessi permanenti della classe operaia.

Voglio ricordare che le Aree su dette hanno convissuto in RC per 15 anni e hanno uttenuto un risultato apprezzabile in termini di attivita’ politica e di militanza.

Voglio ricordare che se le suddette aree si presentassero alle elezioni sotto un unico simbolo avrebbero gia’ una rappresentanza parlamentare di 2 Deputati e di 2 Senatori ( Sin Crit e L’Ernesto).

Io, gia’ dal congresso del 2005 ho fatto una proposta che il mio circolo ha fatto sua e cioe’ che le aree che si riconoscevano nei doc. 2,3,4, e 5 dovevano fare un blocco per arginare la deriva upportunista bertinottiana che stava prendendo il sopravvento nel partito, giungendo a dire che le aree che nella loro prospettiva avevano ancora il comunismo dovevano giungere all’espulsione dei bertinottiani dal partito della rifondazione comunista, per poter continuare sula strada della rifondazione anzi, senza quell’area e quella che inseguito si e’ dimostrata al pari opportunista (Essere Cumunisti), il partito si poteva gia’ definire rifondato. Adesso piu’ che mai bisogna dimostrare che i Comunisti in Italia ci sono e non si chiamano ne Bertinotti ne Diliberto ma lavoratrici e lavoratori che in nome del socialismo costruiscono un partito che si chiama comunista e che anche in questo caso si presenta alle elezioni, per ora borghesi, cercando di ottenere il massimo risultato possibile per la causa rivoluzionaria dei Comunisti e dei lavoratori.

Con saluti comunisti

Carmelo Delpopolo Campione

fonte: champions4@virgilio.it

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.