IN PARADISO CON LA NUOVA 500 ABARTH

Condividi:

L[k]ex officina 83 di Mirafiori si rimette in moto. Oltre 100 persone lavoreranno per costruire la nuova 500 Abarth, lo dice Luca De Meo, responsabile del marchio Abarth, alla presentazione della vettura, il 18 febbraio a Torino.
Insieme ai responsabili dell[k]azienda del Comune e della Regione, alla cerimonia non e’ mancata la benedizione del cardinale Poletto, arcivescovo di Torino, che ha commentato: [k] Un pezzo per volta Mirafiori fiorisce. Pochi anni fa sembrava ci dovessimo preparare al necrologio[k].
Eppure di necrologi ce ne son stati a Mirafiori, ma sua eminenza non li ha visti. Necrologi, tragedie e sacrifici di operai, prima spremuti in fabbrica e poi sbattuti fuori dalla ristrutturazione, finiti male, costretti ad arrabattarsi per tirare avanti con la famiglia. Tanti si sono suicidati, ma erano necrologi dei ranghi bassi, taciuti dalla cronaca e per i quali non si scomodava il vescovo, anzi lui non si era accorto di niente, o come ha dichiarato: [k]sembrava ci dovessimo preparare al necrologio[k].
[k]Mirafiori fiorisce[k] dice oggi Poletto. Forse intende dire che fioriscono i profitti sui sacrifici e le tragedie di operai, serviti a far ancor piu’ ricchi i padroni della Fiat, ma questo per il cardinale, in sintonia col suo capo in Vaticano, si tratta di una normale regola dettata dal [k]Diritto naturale[k].
Nel cuore della cerimonia, Marchionne commenta i recenti utili del bilancio annuale Fiat ed esclama euforico: [k]tutto in linea con le aspettative[k]. Rincuorato da queste parole il cardinal Poletto, alza lo sguardo al cielo, intinge l[k]aspersorio nell[k]acqua santa e lo leva per benedire la nuova vettura, e con essa i profitti che a fiume arrivano nelle tasche di padroni e azionisti Fiat.
I profitti intrisi del sangue operaio, ma purificati dalla benedizione, vanno in Paradiso sulla nuova 500 Abarth.

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.