AFGHANISTAN: IL PARLAMENTO RIFINANZIA LA GUERRA

Condividi:

Articolo di peacereporter.net

Italia – 19.2.2008
Afghanistan, la guerra in Parlamento
Iniziata alla Camera la discussione sul rifinanziamento della missione
E’ iniziata martedii alla Camera la discussione parlamentare sul rifinanziamento della missione militare in Afghanistan. Contrariamente a quanto chiesto da numerosi parlamentari, il decreto-legge presentato dal governo Prodi ha “impacchettato” tutte le missioni italiane all’estero (Afghanistan, Libano, Kosovo, Iraq, Sudan, Somalia, ecc.) che andranno quindi discusse e votate in blocco. Preannunciato il voto contrario della Sinistra Arcobaleno (che in passato vot� sempre a favore di questa missione per non far cadere il governo): un [k]no” del tutto ininfluente, visto che il decreto verra’ convertito in legge con i voti di tutti gli altri schieramenti politici.

Piu’ soldi, uomini e mezzi. Per la missione militare in Afghanistan, il decreto stanzia oltre 337 milioni di euro per l’anno 2008: quasi il 10 per cento in piu’ rispetto ai 310 milioni dell’anno scorso. Un aumento dovuto all’incremento numerico del contingente (2.880 uomini secondo la Nato rispetto ai circa 2mila di un anno fa) e allo schieramento di nuovi mezzi (8 carri armati Dardo, 5 elicotteri da combattimento Mangusta, 3 elicotteri da trasporto e assalto Sh-3d, 10 blindati Lince e 2 aerei Predator: tutti mezzi che un anno fa non c’erano).
Ovviamente, il testo del decreto non fa cenno all’invio di ulteriori rinforzi discusso al vertice informale dei ministri della Difesa Nato a Vilnius, in Lituania, lo scorso 7 e 8 febbraio: in primavera l’Italia mandera’ nell’ovest dell’Afghanistan altri 2-300 uomini, truppe da combattimento destinate alla creazione di un [k]Battle Group” italo-spagnolo di 5-600 uomini per fronteggiare la guerriglia talebana in caso di bisogno (necessita’ che la Nato considera scontata con la prevista offensiva talebana di primavera). Un compito, questo, svolto finora dalla piu’ esigua Forza di Reazione Rapida (Qrf) italo-spagnola di circa 300 uomini, coinvolta in numerosi scontri a fuoco occasionali con i talebani e sopratutto nell?offensiva Nato dello scorso novembre, quando gli oltre 200 soldati italiani della Qrf (con carri armati Dardo ed elicotteri Mangusta) combatterono per tre settimane contro i talebani per la riconquista di due distretti della provincia sud-occidentale di Farah.

La guerra negata. In aula verra’ sicuramente dibattuta la reale natura della missione in Afghanistan. Ma non servira’ a nulla, perche’ la verita’ rimarra’ occultata dietro la cortina fumogena della retorica governativa della missione di pace[k] che Prodi e i suoi ministri [k] e ora anche i suoi candidati alla successione, Veltroni e Berlusconi ” continuano a usare. Con la fondamentale complicita’ dei grandi giornali e dei telegiornali; come il Tg1 che qualche giorno fa diceva che, mentre i nostri soldati sono impegnati nella missione Isaf, descritta come una missione sostanzialmente umanitaria e di polizia, “gli americani di Enduring Freedom continuano a dare la caccia ai talebani”[k]. Solo loro.
Come se i duecento incursori italiani delle forze speciali della Task Force 45 non fossero regolarmente impegnati, fin dal 2006, a combattere i talebani nelle province afgane occidentali nell’ambito dell’operazione [k]Sarissa”.
Come se le migliaia di soldati britannici, canadesi e olandesi che dal 2006 combattono e muoiono ogni giorno nel sud dell’Afghanistan non facessero parte della stessa missione Isaf a cui partecipa l’Italia.
Come se i vertici Nato, fortemente preoccupati per l’avanzata dei talebani, non fossero da mesi infuriati con l’Italia e con gli altri Paesi alleati (Germania, Francia e Spagna) che non danno il loro pieno contributo alla missione Isaf inviando uomini sufficienti e mezzi adeguati a combattere questa guerra.

Enrico Piovesana

Condividi:

Facebook Comments

Comments Closed

Comments are closed. You will not be able to post a comment in this post.