Partito Operaio Archive

  • Distribuito il 25 ottobre in occasione della kermesse al castello dell’OVO organizzata dal comune di Napoli sulla vicenda della Whirlpool. Gli operai sono arrivati in corteo da Piazza Municipio. Facebook Comments 0

    VOLANTINO DEL PARTITO OPERAIO SULLA WHIRLPOOL

    Distribuito il 25 ottobre in occasione della kermesse al castello dell’OVO organizzata dal comune di Napoli sulla vicenda della Whirlpool. Gli operai sono arrivati in corteo da Piazza Municipio. Facebook Comments

    Continue Reading

  • Operai delle fabbriche FCA Pomigliano, FCA Melfi, INNSE Milano, Avio Pomigliano, Florida 2000, Ambiente spa, si sono incontrati a Napoli sabato 12 Ottobre 2019. Avendo la consapevolezza che la loro condizione non potrà mai veramente migliorare finché non sarà abolito il lavoro sotto padrone, hanno deciso di organizzarsi in partito, dandosi il seguente programma: Facebook Comments 0

    Partito operaio, il dado è tratto

    Operai delle fabbriche FCA Pomigliano, FCA Melfi, INNSE Milano, Avio Pomigliano, Florida 2000, Ambiente spa, si sono incontrati a Napoli sabato 12 Ottobre 2019. Avendo la consapevolezza che la loro condizione non potrà mai veramente migliorare finché non sarà abolito il lavoro sotto padrone, hanno deciso di organizzarsi in partito, dandosi il seguente programma: Facebook Comments

    Continue Reading

  • L’assemblea del 23 giugno a Pomigliano è stata una prova di come gli operai, tra l’altro di uno dei settori più importanti, quello automobilistico, possano in proprio mettere in campo il tentativo di incominciare una discussione seria sul problema dell’autorganizzazione indipendente degli operai. L’assemblea è stata partecipata. C’erano circa 150 persone di cui almeno 50 erano operai provenienti in maggioranza dal comparto automobilistico FCA (Pomigliano, Melfi, Termoli, Cassino, Torino, Pratola Serra). Ma erano presenti anche altre fabbriche come la INNSE di Milano e la GKN Driveline di Firenze. La presidenza era composta da soli operai del comitato operai autorganizzati […] 0

    Assemblea operaia, Pomigliano, 23 giugno 2018

    L’assemblea del 23 giugno a Pomigliano è stata una prova di come gli operai, tra l’altro di uno dei settori più importanti, quello automobilistico, possano in proprio mettere in campo il tentativo di incominciare una discussione seria sul problema dell’autorganizzazione indipendente degli operai. L’assemblea è stata partecipata. C’erano circa 150 persone di cui almeno 50 erano operai provenienti in maggioranza dal comparto automobilistico FCA (Pomigliano, Melfi, Termoli, Cassino, Torino, Pratola Serra). Ma erano presenti anche altre fabbriche come la INNSE di Milano e la GKN Driveline di Firenze. La presidenza era composta da soli operai del comitato operai autorganizzati […]

    Continue Reading

  • I CARC CONTRO IL PARTITO OPERAIO di Enzo Acerenza scarica l’articolo in formato pdf    I CARC contro il partito operaio   Fa uno strano effetto essere criticati di bordighismo dagli stalinisti e di stalinismo dai bordighisti. Siamo imprendibili. I preti di queste piccole chiese si affannano per azzannarci. Cercano di rendere inattuali le nostre posizioni, lanciando contro di noi antiche maledizioni ad uso dei propri fedeli. Niente di più terribile per coloro che si rifanno alla tradizione staliniana accusare qualcuno di essere un seguace di Bordiga, niente di più oltraggioso accusare gli avversari di stalinismo per coloro che fanno […] 1

    I CARC CONTRO IL PARTITO OPERAIO

    I CARC CONTRO IL PARTITO OPERAIO di Enzo Acerenza scarica l’articolo in formato pdf    I CARC contro il partito operaio   Fa uno strano effetto essere criticati di bordighismo dagli stalinisti e di stalinismo dai bordighisti. Siamo imprendibili. I preti di queste piccole chiese si affannano per azzannarci. Cercano di rendere inattuali le nostre posizioni, lanciando contro di noi antiche maledizioni ad uso dei propri fedeli. Niente di più terribile per coloro che si rifanno alla tradizione staliniana accusare qualcuno di essere un seguace di Bordiga, niente di più oltraggioso accusare gli avversari di stalinismo per coloro che fanno […]

    Continue Reading

  • ILVA di Taranto Un colpo di spada  Parliamo chiaro, fra operai. Se lavorare all’Ilva deve essere una morte anzitempo per noi e per coloro che ci stanno più vicino, che l’ILVA chiuda, e finisca fra le macerie. Come mangeremo? Si chiede l’operaio sconfitto che a testa bassa, con la morte sulle spalle vuole il lavoro ad ogni costo. Qualcuno dovrà pensarci! Rispondono gli operai che ancora hanno sangue nelle vene. Se 20.000 operai si presentano alla società compatti e minacciosi, pronti a ribellarsi non è facile ricattarli. I probabili nuovi padroni, i signori di Arcelor Mittal e il loro […] 0

    ILVA: COMUNICATO DEL PARTITO OPERAIO

    ILVA di Taranto Un colpo di spada  Parliamo chiaro, fra operai. Se lavorare all’Ilva deve essere una morte anzitempo per noi e per coloro che ci stanno più vicino, che l’ILVA chiuda, e finisca fra le macerie. Come mangeremo? Si chiede l’operaio sconfitto che a testa bassa, con la morte sulle spalle vuole il lavoro ad ogni costo. Qualcuno dovrà pensarci! Rispondono gli operai che ancora hanno sangue nelle vene. Se 20.000 operai si presentano alla società compatti e minacciosi, pronti a ribellarsi non è facile ricattarli. I probabili nuovi padroni, i signori di Arcelor Mittal e il loro […]

    Continue Reading

  • COMUNICATO DEL PARTITO OPERAIO Il parlamento catalano ha votato per l’indipendenza della Catalogna. La grande borghesia europea gli è saltata addosso. Dalla Germania al governo italiano le voci di condanna sono unanimi. Nessuna piccola nazione o popolo che è oppresso, può autodeterminare la propria indipendenza, per i padroni del mondo bisogna sottostare alle condizioni dello Stato oppressore, senza potersi separare e costituirsi in nazione indipendente. I grandi padroni di Spagna sono capaci di scatenare una guerra civile piuttosto che perdere il controllo diretto della ricca Catalogna. La grande borghesia che vive in Catalogna, per nessuna ragione vuole separarsi dai […] 0

    Due volte schiavi: come operai e come catalani

    COMUNICATO DEL PARTITO OPERAIO Il parlamento catalano ha votato per l’indipendenza della Catalogna. La grande borghesia europea gli è saltata addosso. Dalla Germania al governo italiano le voci di condanna sono unanimi. Nessuna piccola nazione o popolo che è oppresso, può autodeterminare la propria indipendenza, per i padroni del mondo bisogna sottostare alle condizioni dello Stato oppressore, senza potersi separare e costituirsi in nazione indipendente. I grandi padroni di Spagna sono capaci di scatenare una guerra civile piuttosto che perdere il controllo diretto della ricca Catalogna. La grande borghesia che vive in Catalogna, per nessuna ragione vuole separarsi dai […]

    Continue Reading

  • Se i capi del “nuovo” sindacalismo di base sono incapaci di costruire e rafforzare l’unità degli operai vanno messi da parte e sostituiti. Se i capi del “nuovo” sindacalismo di base non sono capaci di appianare i loro contrasti spezzando la forza operaia in diversi tronconi, mettendo di fatto operai contro operai e costringendo gli iscritti a fare a giorni alterni i crumiri o i lottatori ad oltranza vanno messi da parte e sostituiti. Pensavamo che le vecchie e strumentali liti dei confederali sulla migliore piattaforma o sugli obiettivi qualificanti da presentare, liti fatte apposta per dividere gli operai, […] 0

    AGLI OPERAI DI CARPIANO

    Se i capi del “nuovo” sindacalismo di base sono incapaci di costruire e rafforzare l’unità degli operai vanno messi da parte e sostituiti. Se i capi del “nuovo” sindacalismo di base non sono capaci di appianare i loro contrasti spezzando la forza operaia in diversi tronconi, mettendo di fatto operai contro operai e costringendo gli iscritti a fare a giorni alterni i crumiri o i lottatori ad oltranza vanno messi da parte e sostituiti. Pensavamo che le vecchie e strumentali liti dei confederali sulla migliore piattaforma o sugli obiettivi qualificanti da presentare, liti fatte apposta per dividere gli operai, […]

    Continue Reading

  • DALLA PARTE DEI LAVORATORI E OPERAI DELL’ALITALIA I lavoratori dell’Alitalia hanno bocciato l’accordo dei padroni-governo-sindacati  e oltre il 70% ha votato NO al referendum. L’accordo padroni-governo-sindacati prevedeva circa 1000 licenziamenti, la riduzione dei salari, il blocco degli scatti di anzianità,la CIG, licenziamenti incentivati. Tante volte gli operai delle fabbriche avevano tentato di bocciare gli accordi ricatto dei padroni con i sindacati. Non c’erano  riusciti grazie agli  imbrogli dei sindacalisti. Questa  volta i lavoratori non si sono fatti fregare. Il NO al referendum è una svolta epocale. Lo stato ha regalato ai vari Colannino, Montezemolo, intesa San paolo, Unicredit, Etihad, […] 0

    DALLA PARTE DEI LAVORATORI E OPERAI DELL’ALITALIA

    DALLA PARTE DEI LAVORATORI E OPERAI DELL’ALITALIA I lavoratori dell’Alitalia hanno bocciato l’accordo dei padroni-governo-sindacati  e oltre il 70% ha votato NO al referendum. L’accordo padroni-governo-sindacati prevedeva circa 1000 licenziamenti, la riduzione dei salari, il blocco degli scatti di anzianità,la CIG, licenziamenti incentivati. Tante volte gli operai delle fabbriche avevano tentato di bocciare gli accordi ricatto dei padroni con i sindacati. Non c’erano  riusciti grazie agli  imbrogli dei sindacalisti. Questa  volta i lavoratori non si sono fatti fregare. Il NO al referendum è una svolta epocale. Lo stato ha regalato ai vari Colannino, Montezemolo, intesa San paolo, Unicredit, Etihad, […]

    Continue Reading

  • Redazione di Operai Contro, ha ragione il Partito operaio. Borghesia e piccola borghesia USA tornano ad appludire Trump. Gli USA mostrano alle borghesie di tutto il mondo la loro potenza militare e affermano di non temere la guerra nucleare e che sono disposti a farla. Le minacce di bombardamento della Corea del Nord sono avvisi di guerra di Trump alla Cina. “Una guerra nucleare potrebbe scoppiare da un momento all’altro nella penisola coreana” ha detto l’ambasciatore nordcoreano all’Onu, I leccaculo della stampa e i politici italiani fanno il tifo per Trump Come dice il Partito operaio: “ Piano piano, […] 0

    LA GUERRA MONDIALE

    Redazione di Operai Contro, ha ragione il Partito operaio. Borghesia e piccola borghesia USA tornano ad appludire Trump. Gli USA mostrano alle borghesie di tutto il mondo la loro potenza militare e affermano di non temere la guerra nucleare e che sono disposti a farla. Le minacce di bombardamento della Corea del Nord sono avvisi di guerra di Trump alla Cina. “Una guerra nucleare potrebbe scoppiare da un momento all’altro nella penisola coreana” ha detto l’ambasciatore nordcoreano all’Onu, I leccaculo della stampa e i politici italiani fanno il tifo per Trump Come dice il Partito operaio: “ Piano piano, […]

    Continue Reading

  • comunicato del partito operaio Il contratto delle elemosine va respinto con un NO che li faccia tremare. Un no che serve per manifestare a tutta la società che questi dirigenti sindacali non ci rappresentano più, che serve un nuovo sindacalismo operaio. Elemosina N° 1 Confermati i minimi tabellari del 2015, nessun aumento fino a Giugno 2017. La prima volta che si chiude un contratto senza soldi freschi. A giugno 2017 verifica della dinamica inflattiva media del 2016 su 2015 per definire un fantomatico aumento.  Con l’inflazione, secondo l’Istat vicino allo zero, zero aumenti.  Due anni e mezzo, 2015, 2016 […] 0

    Un contratto nazionale più indegno non lo potevano sottoscrivere

    comunicato del partito operaio Il contratto delle elemosine va respinto con un NO che li faccia tremare. Un no che serve per manifestare a tutta la società che questi dirigenti sindacali non ci rappresentano più, che serve un nuovo sindacalismo operaio. Elemosina N° 1 Confermati i minimi tabellari del 2015, nessun aumento fino a Giugno 2017. La prima volta che si chiude un contratto senza soldi freschi. A giugno 2017 verifica della dinamica inflattiva media del 2016 su 2015 per definire un fantomatico aumento.  Con l’inflazione, secondo l’Istat vicino allo zero, zero aumenti.  Due anni e mezzo, 2015, 2016 […]

    Continue Reading