Le fabbriche che chiudono Archive

  • Se ripetiamo ancora la scena di Bentivogli al Ministero. Se gli occupiamo la fabbrica così non possono disporne a piacimento. Se mettiamo da parte i sindacalisti firmaioli e siamo noi a gestire direttamente ogni trattativa, qualcosa può cambiare, il destino non è ancora scritto 0

    WHIRPOOL CHIUDE? PER FERMARLI, UNA STRADA C’É

    Se ripetiamo ancora la scena di Bentivogli al Ministero. Se gli occupiamo la fabbrica così non possono disporne a piacimento. Se mettiamo da parte i sindacalisti firmaioli e siamo noi a gestire direttamente ogni trattativa, qualcosa può cambiare, il destino non è ancora scritto

    Continue Reading

  • Plastiche Melfi, indotto FCA, ad agosto uno strano incendio metteva fuori uso un capannone. L’1 e il 2 Febbraio, fra sabato e domenica veniva svuotata la parte attiva della fabbrica e gli operai buttati fuori. I sindacalisti intervistati a caldo fanno pietà
0

    DA UNO STRANO INCENDIO ALLA CHIUSURA DELLA FABBRICA

    Plastiche Melfi, indotto FCA, ad agosto uno strano incendio metteva fuori uso un capannone. L’1 e il 2 Febbraio, fra sabato e domenica veniva svuotata la parte attiva della fabbrica e gli operai buttati fuori. I sindacalisti intervistati a caldo fanno pietà

    Continue Reading

  • Marco Bentivogli, segretario generale della Fim-Cisl questa volta se l'è vista male e ci è mancato un soffio... 0

    WHIRLPOOL, GLI OPERAI NON SI FANNO PIÙ PRENDERE IN GIRO DAI SINDACALISTI VENDUTI

    Marco Bentivogli, segretario generale della Fim-Cisl questa volta se l'è vista male e ci è mancato un soffio...

    Continue Reading

  • L'azienda fa un passo indietro, cambia tattica, prepara una manovra di aggiramento per arrivare ad una scelta "condivisa" di "riconvertire" il sito di Napoli. Agli operai il tempo per rendere la fabbrica un forte inespugnabile. 0

    TREGUA ARMATA ALLA WHIRLPOOL

    L'azienda fa un passo indietro, cambia tattica, prepara una manovra di aggiramento per arrivare ad una scelta "condivisa" di "riconvertire" il sito di Napoli. Agli operai il tempo per rendere la fabbrica un forte inespugnabile.

    Continue Reading

  • Distribuito il 25 ottobre in occasione della kermesse al castello dell’OVO organizzata dal comune di Napoli sulla vicenda della Whirlpool. Gli operai sono arrivati in corteo da Piazza Municipio. Facebook Comments 0

    VOLANTINO DEL PARTITO OPERAIO SULLA WHIRLPOOL

    Distribuito il 25 ottobre in occasione della kermesse al castello dell’OVO organizzata dal comune di Napoli sulla vicenda della Whirlpool. Gli operai sono arrivati in corteo da Piazza Municipio. Facebook Comments

    Continue Reading

  • Gli operai, visto che le promesse politiche e le chiacchiere sulla reindustrializzazione non portano a niente, visto che il padrone va per la sua strada, potrebbero decidere di occupare la fabbrica per impedirne la chiusura il 1 novembre. Forse è la sola cosa giusta da fare. Facebook Comments 0

    WHIRLPOOL, POLITICI, SINDACALISTI E OPERAI

    Gli operai, visto che le promesse politiche e le chiacchiere sulla reindustrializzazione non portano a niente, visto che il padrone va per la sua strada, potrebbero decidere di occupare la fabbrica per impedirne la chiusura il 1 novembre. Forse è la sola cosa giusta da fare. Facebook Comments

    Continue Reading

  • Redazione Operai Contro, E’ risaputo che i padroni per fare i loro profitti hanno assolutamente bisogno della forza lavoro degli operai, massimo sfruttamento degli operai per ottenere la massima ricchezza. Non esiste una differenza fra padroni italiani o padroni americani di fronte alle esigenze dei profitti, come non esistono padroni buoni, i padroni qualsiasi sia la nazione di appartenenza se non realizzano più il profitto dalla manodopera degli operai licenziano senza esitazione. Alla Whirpool in Italia succede proprio così, i nuovi padroni americani che acquisirono le fabbriche Indesit intendono chiudere e licenziare come i precedenti padroni italiani. Dicembre 2013. […] 0

    Whirlpool : i padroni americani sono uguali ai padroni italiani

    Redazione Operai Contro, E’ risaputo che i padroni per fare i loro profitti hanno assolutamente bisogno della forza lavoro degli operai, massimo sfruttamento degli operai per ottenere la massima ricchezza. Non esiste una differenza fra padroni italiani o padroni americani di fronte alle esigenze dei profitti, come non esistono padroni buoni, i padroni qualsiasi sia la nazione di appartenenza se non realizzano più il profitto dalla manodopera degli operai licenziano senza esitazione. Alla Whirpool in Italia succede proprio così, i nuovi padroni americani che acquisirono le fabbriche Indesit intendono chiudere e licenziare come i precedenti padroni italiani. Dicembre 2013. […]

    Continue Reading