Giornale, Numero 10 del 10 agosto 2019

Manifesto Comunista
di Karl Marx e Friedrich Engels
(35° giorno – Comunisti e partiti operai)

(Comunisti e partiti operai) Cap. IV. Posizione dei Comunisti di fronte ai diversi partiti di opposizione Da quanto s’è detto nel secondo capitolo appare ovvio quale sia il rapporto dei […]

(Comunisti e partiti operai)

Cap. IV. Posizione dei Comunisti di fronte ai diversi partiti di opposizione

Da quanto s’è detto nel secondo capitolo appare ovvio quale sia il rapporto dei comunisti coi partiti operai già costituiti, cioè il loro rapporto coi cartisti in Inghilterra e coi riformatori nell’America del Nord.
I comunisti lottano per raggiungere i fini e gli interessi immediati della classe operaia, ma nel movimento presente rappresentano in pari tempo l’avvenire del movimento. In Francia i comunisti si alleano al partito socialista-democratico contro la borghesia conservatrice e radicale, senza per questo rinunciare al diritto d’un contegno critico verso le frasi e le illusioni provenienti dalla tradizione rivoluzionaria.
In Svizzera essi appoggiano i radicali, senza disconoscere che questo partito è costituito da elementi contraddittori, in parte da socialisti democratici in senso francese, in parte da borghesi radicali.
Fra i polacchi, i comunisti appoggiano il partito che fa d’una rivoluzione agraria la condizione della liberazione nazionale. Lo stesso partito che promosse l’insurrezione di Cracovia del 1846.
In Germania il partito comunista combatte insieme alla borghesia contro la monarchia assoluta, contro la proprietà fondiaria feudale e il piccolo borghesume, appena la borghesia prende una posizione rivoluzionaria.
Però il partito comunista non cessa nemmeno un istante di preparare e sviluppare fra gli operai una coscienza quanto più chiara è possibile dell’antagonismo ostile fra borghesia e proletariato, affinché i lavoratori tedeschi possano subito rivolgere, come altrettante armi contro la borghesia, le condizioni sociali e politiche che la borghesia deve creare con il suo dominio, affinché subito dopo la caduta delle classi reazionarie in Germania, cominci la lotta contro la borghesia stessa.
I comunisti rivolgono la loro attenzione sopratutto alla Germania, perché la Germania è alla vigilia d’una rivoluzione borghese, e perché essa compie questo rivolgimento in condizioni di civiltà generale europea più progredite, e con un proletariato molto più evoluto che non l’Inghilterra nel decimosettimo e la Francia nel decimottavo secolo; perché dunque la rivoluzione borghese tedesca può essere soltanto l’immediato preludio d’una rivoluzione proletaria.

 (i titoletti fra parentesi tonde sono della redazione)
<34° giorno>                                                                                                 [continua]

Lascia una risposta