Giornale, Numero 15 del 15 marzo 2019

A POMIGLIANO IL CLIMA È CAMBIATO

Il 13 marzo a Pomigliano si sono tenute le assemblee nella FIAT da parte dei sindacati firmatari. Per l’occasione sono stati mobilitati i segretari nazionali. Venivano a magnificare, senza neanche […]

Il 13 marzo a Pomigliano si sono tenute le assemblee nella FIAT da parte dei sindacati firmatari.

Per l’occasione sono stati mobilitati i segretari nazionali.

Venivano a magnificare, senza neanche averlo fatto leggere, il nuovo contratto di lavoro per i prossimi quattro anni scritto su misura dei propri interessi dalla dirigenza FIAT.

Dopo aver aiutato a stroncare lo sciopero dello Stampaggio ed essere diventati ufficialmente il “corpo armato” dell’azienda contro gli operai, si aspettavano di trovarsi di fronte una fabbrica sottomessa e pacificata. In realtà il clima dell’accoglienza non è stato dei migliori per i sindacalisti dell’azienda.

Ai cancelli hanno trovato i volantini del SI COBAS FCA che li apostrofava come “ricottari”, un termine chiaro per tutti gli operai napoletani. Dentro gli operai si sono divisi tra due posizioni. Una parte non è andata all’assemblea. Come mi ha detto un operaio dello Stampaggio: “All’assemblea della FIOM di sabato scorso i capi ci hanno intimato di non andarci. Oggi ho deciso di non andarci io dai loro servi”.

Un’altra parte ha partecipato all’assemblea e ha applaudito solo chi è intervenuto contro il contratto e chi ha criticato i “firmatari” per la repressione dello sciopero.

Se i padroni pensavano che la questione fosse chiusa con lo stroncamento dello sciopero hanno sbagliato i loro conti. Non passerà molto tempo e la lotta riprenderà. A Pomigliano il clima è cambiato.

VIDEO DELL’ASSEMBLEA DEL 13 MARZO ALLA FCA DI POMIGLIANO

 VOLANTINO DISTRIBUITO AI CANCELLI DELLA FABBRICA LA MATTINA DELLE ASSEMBLEE

 

7-A POMIGLIANO IL CLIMA È CAMBIATO-volantino

Lascia una risposta