Giornale, Numero 29 del 29 novembre 2018

LA MAGISTRATURA STA CON I PADRONI

L’illusione di una legge al di sopra delle parti viene smentita ad ogni sentenza sui licenziamenti. Il “datore di lavoro” ha sempre ragione, il dipendente torto, quando proprio le ragioni […]

L’illusione di una legge al di sopra delle parti viene smentita ad ogni sentenza sui licenziamenti. Il “datore di lavoro” ha sempre ragione, il dipendente torto, quando proprio le ragioni del licenziamento sono insostenibili bastano quattro soldi e il caso è chiuso. Il dominio dei padroni nei luoghi di lavoro trova nei magistrati dei sostenitori accaniti.

LA MAGISTRATURA STA CON I PADRONI

Lascia una risposta