Giornale, Numero 2 del 2 settembre 2018

PRIMA CHE IL GALLO CANTI….

Il signor Luigi Di Maio ci dice che a breve si darà inizio al reddito di cittadinanza, ma non per dare soldi a chi sta sul divano, ma per favorire […]

Il signor Luigi Di Maio ci dice che a breve si darà inizio al reddito di cittadinanza, ma non per dare soldi a chi sta sul divano, ma per favorire la ripresa delle aziende. Chi rimane sul divano, esce dal giro (questo è il senso del suo dire e del signor Fabio Massimo Castaldo, suo sodale di partito,  scalda banchi a Bruxelles)
Ogni volta che apre la bocca non riesce a nascondere la verità: sarebbero  poche centinaia di euro in cambio della assoluta immediata disponibilità a chiamate per qualsiasi lavoro, pena, appunto, essere messi fuori dal giro. Un bel regalo ai padroni ! Paragonabile quindi a quando succede in Germania con i mini jobs.
Il signor Di Maio si spertica a dirci che se ne fotte delle agenzie di rating internazionali e che non accoltellerà gli italiani alla schiena. Ci da la sua parola.
Prima che il gallo canti, costretto dalle agenzie e anche dal socio signor Matteo Salvini che difende gli investimenti in bot dei bottegai che lo hanno eletto, ossequierà le agenzie e tirerà la coltellata.

Intanto il gallo ha cantato con l’articolo 18, la legge Fornero e sta facendo i gargarismi per cantare per gli operai dell’Ilva. Non canta per i Benetton, e sul ponte sole ciance.

Chi ha votato per questo governo illudendosi di cose nuove, che ne pensa del pollaio che gli hanno messo in piedi?

Studente di economia

Lascia una risposta