Giornale, Numero 14 del 14 giugno 2018

GRANDI MANOVRE MILITARI CONTRO GLI OCCUPANTI A MILANO

500 agenti tra polizia e carabinieri (secondo la stampa nazionale), pompieri, idranti  e camionette  messi di traverso per isolare la zona di intervento. Oggi una manovra militare  in grande stile […]

500 agenti tra polizia e carabinieri (secondo la stampa nazionale), pompieri, idranti  e camionette  messi di traverso per isolare la zona di intervento.
Oggi una manovra militare  in grande stile per sgomberare 12 famiglie, con donne e bambini, che avevano occupato appartamenti vuoti in via Palmanova a Milano.

Questa è la novità del nuovo governo che, conniventi Comune e MM, la società che gestisce gli immobili di via Palmanova, garantisce , come i governi precedenti, i profitti dei padroni  (in questo caso la  rendita fondiaria),  togliendo dal mercato centinaia di appartamenti.
Gli appartamenti di via Palmanova erano vuoti,  ora MM fa sapere che verranno consegnati a chi èin lista d’ attesa: non ha detto che già questa mattina alcuni appartamenti erano stati blindati con lamiere!

MM, società a controllo pubblico (in questo caso il Comune di Milano), si fa capofila dell’attacco alle condizioni di vita dei lavoratori  in nome della valorizzazione di aree urbane. Rifletta su questo fatto chi va teorizzando in occasioni diverse che la soluzione dei problemi sta nella nazionalizzazione  delle imprese.

Gli ex-occupanti si stanno riorganizzando.

Saluti da un abitante della zona

P.S. MM nel 2016 ha concluso un accordo (http://www.metropolitanamilanese.it/pub/page/it/MM/is_ricerca) di collaborazione con l’agenzia idrica nazionale israeliana Mekoroth Water, l’ente che si appropria dell’acqua palestinese nella Cisgiordania occupata (http://stopmekorot.org/): evidentemente sono fatti per intendersi

Lascia una risposta