Giornale, Numero 17 del 17 maggiio 2018

LA TRUFFA DI TERMINI IMERESE

Redazione di operai Contro,  si è svolto presso il ministero dello Sviluppo economico l’incontro sullo stato di reindustrializzazione e rioccupazione dell’ex FIAT di Termini Imerese La reindustrializzazione è’ un fallimento […]

Redazione di operai Contro,

 si è svolto presso il ministero dello Sviluppo economico l’incontro sullo stato di reindustrializzazione e rioccupazione dell’ex FIAT di Termini Imerese

La reindustrializzazione è’ un fallimento

I rischi per il padrone e i sindacati sono alti. La situazione di crisi finanziaria e di mancata attuazione del piano industriale e occupazionale della società Blutec rischia di far saltare la presa per il culo del padrone e dei sindacati.

I sindacati FIOM-FIM- UILM hanno paura. Hanno sostenuto la reindustrializzazione fatta dalla BLUTEC ( Una delle tante facce con cui si presenta il padrone FIAT per prendere soldi dallo STATO).

I sindacati, davano via libera al padrone per licenziarci e regalavano 40 milioni di euro alla FIAT , hanno costretto noi operai a lunghi anni di CIG e di salari da mendicanti

Ora devono trovare qualcosa per scongiurare lo scoppio di una vera rivolta degli ex operai FIAT

I sindacati  martedì 22 maggio faranno finta di chiedere alla BLUTEC  di restituire l ‘anticipo dei finanziamenti ricevuti e una garanzia per i 20 milioni di euro finanziati da Invitalia. La restituzione è stata chiesta dal cda di Invitalia anche a seguito della revoca del contratto di sviluppo.

La reindustrializzazione di Termini Imerese è servita alla FIAT per Licenziarci

La reindustrializzazione  di Termini Imerese   è servita alla BLUTEC (FIAT) per incassare oltre 40 milioni di euro

La reindustrializzazione  di Termini Imerese   è servita per ingrassare il conto in banca dei sindacalisti

 

Un ex operaio FIAT

 

Lascia una risposta