Giornale, Numero6 del 6 dicembre 2017

LA GERMANIA INTENSIFICA L’ESPULSIONE DEGLI EMIGRANTI, MA I PILOTI TEDESCHI SI RIFIUTANO DI EFFETTUARE LE DEPORTAZIONI

Redazione di Operai Contro, I piloti di tutta la Germania stanno fermando le deportazioni programmate dei richiedenti asilo respinti. Allo stesso tempo, i rifugiati stanno facendo appello ai loro ordini […]

Redazione di Operai Contro,

I piloti di tutta la Germania stanno fermando le deportazioni programmate dei richiedenti asilo respinti. Allo stesso tempo, i rifugiati stanno facendo appello ai loro ordini di espulsione in numeri da record e vincendo.

A seguito di una richiesta di informazioni da parte del partito di sinistra, il governo ha detto che 222 voli programmati sono stati fermati dai piloti che non volevano partecipare al ritorno controverso dei rifugiati in Afghanistan, che è stato considerato un ‘paese d’origine sicuro’, in alcuni casi, nonostante in corso violenza e repressione in alcune parti del paese.

Per saperne di più:
Due anni da quando la Germania ha aperto il confine ai rifugiati – una cronologia

Circa 85 dei rifiuti tra gennaio e settembre 2017 provenivano dalla principale compagnia aerea tedesca Lufthansa e dalla sua controllata Eurowings. Circa 40 hanno avuto luogo all’aeroporto di Dusseldorf, dove le deportazioni controverse sono abitualmente accompagnate da manifestanti sull’asfalto. La maggior parte dei voli cancellati, circa 140, si svolgevano all’aeroporto di Francoforte, il più grande e più importante hub della Germania.

Il portavoce di Lufthansa, Michael Lamberty, ha difeso il personale che ha scelto di non far rientrare i deportati nei loro paesi di origine, dicendo che a volte la sicurezza era una preoccupazione.

‘La decisione di non trasportare un passeggero è in definitiva presa dal pilota caso per caso: se ha l’impressione che la sicurezza del volo possa essere compromessa, deve rifiutarsi di trasportare il passeggero’, Lamberty è stato citato dalla Westdeutsche Allegeimeine Zeitung come dire.

Secondo Lamberty, i piloti Lufthansa a volte parlano personalmente ai passeggeri che stanno per essere deportati prima del volo. In generale, queste persone sono trattate come normali passeggeri, ‘hanno un biglietto valido, dopotutto.’

‘Se il personale di sicurezza degli aeroporti ha in anticipo qualche tipo di informazione che indica che una situazione potrebbe degenerare durante una deportazione, può decidere in anticipo di non lasciare che i passeggeri salgano a bordo.’

La Germania decide più casi di asilo rispetto al resto dell’UE combinato

Nonostante un aumento delle deportazioni, la Germania rimane la principale destinazione di rifugiati e migranti verso l’Unione europea, tanto che nel 2017 la Germania ha trattato più domande di asilo rispetto a tutti gli altri 27 paesi dell’UE messi insieme.

Il quotidiano Die Welt, citando l’agenzia di statistica europea Eurostat, ha dichiarato che l’Ufficio federale per la migrazione e i rifugiati (BAMF) ha deciso 388.201 casi di asilo nei primi sei mesi del 2017.

Per saperne di più: la popolazione musulmana progetta di aumentare

Mentre la Germania intensifica le espulsioni, il numero di richiedenti asilo che fanno appello alle loro decisioni è aumentato in modo significativo. Quasi ogni seconda sentenza fatta dalla BAMF nella prima metà dell’anno è stata portata davanti a un giudice.

Questo è quasi il doppio del numero di ricorsi fatti durante lo stesso periodo nel 2016 – così com’è ora, i tribunali si schierano con circa uno su quattro richiedenti asilo che fanno appello al loro status. Secondo l’emittente pubblica NDR, queste cause sono costate a Berlino circa 19 milioni di euro (22,5 milioni di dollari) da gennaio a novembre 2017, con un aumento di 7,8 milioni di euro rispetto all’anno precedente.

Al fine di ridurre il numero di ricorsi e accelerare le deportazioni, il governo ha proposto un programma per iniziare nel febbraio 2018 che vedrebbe i richiedenti asilo respinti dati 3.000 euro come incentivo ad accettare la deportazione.

Lascia una risposta